• slide1
  • slide2
  • slide3

Valpolicella II^

vigneti in ValpolicellaPercorso cicloturistico in Valpolicella

seconda parte

 Questo itinerario nella sua seconda parte, (vedi prima parte)  permette  di raggiungere la ciclopista del sole:

1)- per proseguire in direzione nord verso il Brennero;
2)- per completare un circuito che riporta a Verona  attraverso  un itinerario panoramico.

Da Sampietro Incariano si scende per via  Cariano. La lieve discesa ci immerge  subito nella bellezza di questo percorso tra vigneti e ciliegi, sovrani indiscussi del paesaggio.
Davanti a sè il  cicloturista ha in  bella mostra   paesini di Bure, di  Sangiorgio di Valpolicella e intravede  sagome di villaggi e campanili nella loro architettura tradizionale.
Molta attenzione in questo percorso merita la direzione della starda che non essendo ancora segnalata deve essere seguita con riferimento esclusivamente ai nomi delle vie  o ai particolari che andremo qui sotto ad indicare. E’ buona norma eventualmente chiedere.
Con un po’ di attenzione l’itinerario offre relax e una piacevole andatura pur su fondo sterrato.
 Continuando su via Cariano il primo particolare da porre attenzione  è un sottopasso della provinciale, e poco oltre  un capitello posto ad un incrocio. In questo punto si  svolta a sinistra per via Cariano e poi continuando sull’unica via sterrata si oltrepassa la cava di ghiaia. All’incrocio a sinistra e poi a destra per via   Vignega dove la strada ritorna asfaltata. Da questo punto si segue la direzione della strada ferrata arrivando  fino a Domegliara centro. Da qui le indicazioni ci portano a  raggiungere  Ponton, oltrepassando il semaforo sulla SS 12. La frazione Ponton, in rinnovamento edilizio, ha una felice posizione sulla riva sinistra del fiume Adige e gode di clima fresco estivo nella serenità del poco flusso di traffico che ancora l’attraversa. Giusto il tempo per dare uno sguardo ad alcuni semplici e gradevoli siti del luogo e poi si oltrepassa il fiume per raggiungere località  Sega. In direzione Caprino, appena Km 1,5 ma in ardua ascesa, si incontra il canale industriale Enel del Biffis , uno degli appuntamenti  finali di questa descrizione: l’ incontro con la ciclopista del sole. In direzione Nord si raggiunge il Brennero e le attrezzate piste ciclabili della mittleuropa.
Continuando in direzione Sud intendo riportare il cicloturista  a Verona seguendo la ciclopista soprannominata che attraversa uno scenario pittoresco, in un percorso ciclabile rinnovato nel manto stradale, sicuro e attrezzato, costruito esclusivamente per traffico di  biciclette.
La fresca brezza che nasce spontanea nella valle e che coabita con  il canale, favorisce anche d’estate questo tratto incantevole. Attualmente in sterrato, il fondo è in corso di progettazione avanzata (2008 prevista inizio lavori) per un asfaltatura definitiva. L’ alveo del canale e soprattutto il suo la lato destro sono  un’ opera d’arte. Architettura industriale dei primi anni del secolo scorso dove l’ingegno e il sudore andavano a braccetto con il buon gusto.
In basso, il Fiume Adige, vivace e allegro, permette sports come la canoa e la pesca, incornicia, con sinuoso abbraccio, le rive ricche di vegetazione proteggendole da eccessive contaminazioni. Bussolengo, paese di tradizioni, cultura, manifestazioni e sports,  merita una breve visita. Dalla sommità di piazza della Vittoria si ha ancor di più l’immagine aerea del territorio sottostante sui filari di viti e di peschi. La centrale elettrica crea una novità visiva interessante.
Scendere a Pescantina è come fare un tuffo nel passato: esso rivive nelle alzaie del fiume, nelle vecchie case ristrutturate,  nella parrocchiale di San Lorenzo, nelle targhe attestanti il livello delle diverse inondazioni, nella casa della “Guardia di Finanza”, negli edifici signorili dei secoli scorsi, nel mulino del Nassar.
Si attraversa il ponte in direzione san Vito al Mantico per riprendere la pista ciclabile che in questo tratto viene anche indicata come VIA Claudia Augusta e, raggiuntala in prossimità del  canale, la si segue senza interruzione sino a Chievo e poi Verona. Costeggiando il canale industriale  Camuzzoni, ora via ing. Rubinelli, si  arriva nella prima periferia della  città con estrema facilità e in tutta sicurezza.

   San Floriano-Pieve                                     villa giona

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna