• slide1
  • slide2
  • slide3

Eurovelo 13 - Iron Curtain Trail (5)

1 eurovelo 13

Iron Curtain Trail

Eurovelo 13 - dalla Romania al Mar Nero

 

 

La parte meridionale del percorso attraversa i confini dei paesi balcanici: Serbia, Romania, Bulgaria, Macedonia, Grecia e Turchia. Alcuni lo percorrono già, molti lo stanno promuovendo, presto sarà una realtà per il cicloturismo europeo.

 

Il Parlamento europeo ha invitato gli Stati membri dell'UE a sostenere la proposta di promuovere la 6800 km di percorso della ex cortina di ferro come un "percorso turistico che conserva la memoria della divisione del continente, mostra come sia stata superato attraverso la pacifica riunificazione europea, e promuove l'identità europea. " La parte meridionale del percorso attraversa i confini dei paesi balcanici: Serbia, Romania, Bulgaria, Macedonia, Grecia e Turchia.

Descrizione percorso

 Una strada stretta si snoda lungo una profonda gola rocciosa del fiume. E’ l'unico collegamento dei villaggi di confine con il resto del paese. Qualche tempo fa gli abitanti del villaggio vivevano nella costante paura causata dalla propaganda per eventuale attacco finale da parte del paese confinante. Era stato deciso che questo bellissimo fiume poteva essere sacrificato per motivi di sicurezza. Le rocce furono allora caricate con la dinamite. Esplosivo che sarebbe dovuto essere attivato in caso di emergenza per fermare l'invasione del nemico.  Questo non è né una finzione, né una storia d’altri tempi. Questo luogo esiste ancora alla frontiera e raccoglie le storie dei molti che cercarono di fuggire al di fuori della cortina di ferro nella speranza di una nuova vita. Oggi nessuno teme più l’altro come nemico. La gola pittoresca è ancora lì e la strada lungo il fiume guida ai residuati di ferro della guerra fredda. L’area che fu soggetta a restrizioni si è rivelata essere un rifugio per la natura selvaggia. L'isolamento ha conservato la purezza di questo territorio di confine che vi invitiamo a visitare con una bicicletta.

 

2 eurovelo 13 RomaniaAttraverso la Romania verso la Porta di Ferro sul Danubio

Il sentiero della Cortina di Ferro segue l’antico tracciato della più antica ferrovia della Romania. Da Oraviţa e nei pressi delle rovine della fortezza Terezia e verso Petrivola. Da qui si segue ITC Euro Velo 6 - il Danubio. Alla Porte di Ferro, Parco Nazionale, la gola del fiume è di soli 150 metri di larghezza. Il percorso passa attraverso luoghi tranquilli li in cui era consentito l'accesso solo con un permesso speciale durante la guerra fredda. L'estrazione mineraria intensiva in Moldova Noua ha trasformato la natura e il paesaggio in un “promemoria” vivente del regime comunista. La strada segue il Danubio lungo un tracciato su roccia calcarea che presenta spettacolari grotte e luoghi ricchi di storia.

 


Dalla Porta di Ferro ai Monti Balcani
Dopo aver attraversato il Danubio alla Porta di Ferro, spettacolare gola, il sentiero segue la periferia occidentale della montagna balcanica che ha dato il nome a tutta la penisola. Tra la città serba Negotin e Zajecha, la strada viaggia a poche decine di metri dalla linea di frontiera. Vale la pena visitare in questa sezione le cantine di Roglevo - unico sito UNESCO che presenta come patrimonio dell’umanita vini e liquori. Il tratto di traffico intenso da Zajechar a Knjazevac può essere evitato utilizzando una strada più calma con fondo stradale naturale, ma in buono stato. Pirot, la prossima città è in pianura, dopodichè l’itinerario conduce al Dimitrovgrad al confine con la Bulgaria.

 


Dalla città di Kalotina a Strumitsase Delche

 Entrati in Bulgaria il sentiero passa attraverso un mosaico naturale di montagne, valli e bacini. Abbandonate4 eurovelo 13BulgariaBelasitsa barriere e posti di frontiera e monumenti, si trovano i resti del regime socialista. La strada passa per il comune di Tran, poi Kyustendil con le numerose sorgenti di acque minerali e punti di riferimento architettonici. L'ICT continua il suo percorso ai piedi del monte Osogovo e lungo la valle del fiume Struma a Blagoevgrad. Una salita porta al valico di frontiera con la Macedonia seguita da una discesa verso il paese di Delcevo. La periferia di Vlahina e i Monti Maleshevska sono scenario turistico lungo il tragitto alla città di Berovo. Il punto più alto di questa tratto di strada è il villaggio Suvi Laki, ubicato nella montagna Ograzhden seguito da una bella discesa verso la pianura dove si trova Strumitsa città con interessanti siti storici e architettonici.

 

Dalla città di Strumitsa a Gotse Delchev

 Il percorso prosegue verso est attraversando la prima periferia macedone e poi la parte "bulgara" di Belasitsa Mountain. Ampi scenari a nord mostrano la valle del fiume Strumeshnitsa e Ograzhden Mountain. Belasitsa Mountain è un'area protetta con una flora incontaminata tra secolari platani e castagni. Dopo la città di Petrich il percorso attraversa la valle del fiume Struma e sale il colle Paril tra monti Pirin e Alibotush. Due ex posti di frontiera ricostruiti in rifugi offrono alloggio, ma i villaggi vicini non hanno ancora strada asfaltata anche se la zona non è più “restricted area”. Il percorso scende nella valle del fiume Mesta e arriva nella città di Gotse Delchev.

 

6 eurovelo13 GreeceBulgariaMonti Rodopi
La parte occidentale dei Monti Rodopi, relativamente elevata, è un tratto impegnativo per il cicloturista. Viene comunque accompagnato lungo un affascinante scenario su splendidi prati, valli fluviali, fitti boschi e alte pareti rocciose. Deviazioni opzionali invitano a toccare il confine stesso e i resti delle infrastrutture della guerra fredda. Questa parte della montagna è famosa per la sua natura intatta e la biodiversità conservata nel tempo. L'ospitalità della gente del posto è squisita. La parte orientale dei Monti Rodopi è più bassa e le valli si allargano. Dopo la città di Zlatograd l'itinerario lascia la strada principale e sale alla fortezza medievale Ustra. Da Kyrdzhali a Ivailovgrad la strada è relativamente piatta. Prima di lasciare la montagna a sud, una possibile deviazione a Ivailolovgrad propone la visita ad un'antica villa romana e altri siti interessanti.

 


Tracia Valley e Sakar Mountain
La strada entra in Grecia e percorre la Tracia, attraversando la cittadina di Kyprinos e il villaggio di Petrota. Presto la strada torna in Bulgaria nella città di Svilengrad, punto di partenza per molte avventure ciclistiche pan-asiatiche. L'ICT- Eurovelo 13 continua verso Sakar Mountain entrando nella zona che in passato costituiva un cuscinetto, e dove sono ancora visibili un sacco di resti delle ex infrastrutture di confine. Vi si trova il villaggio quasi deserto di Matochina e la sua Bukelon, notevole fortezza medievale. Essendo una frontiera esterna per l'Unione Europea, questa frontiera è ancora ben custodita. Dopo aver attraversato il fiume Tundzhae il percorso entra in Turchia.

 

 
La Repubblica di Turchia
Il percorso entra in Turchia scendendo dai colli Dervent lungo il fiume Tundzha su strade ben tenute anche se7 eurovelo 13Turkey parzialmente coperto da ghiaia. Questa zona tranquilla, dominata da querce e spazi aperti, è l'habitat della Aquila Orientale Imperiale. Più oltre, la città colorata di Edirne con la sua bella Moschea Selimiye e altri siti architettonici, invita a scendere di sella per una piacevole passeggiata. Poi il sentiero prosegue attraverso paesaggi agricoli fino alla città di Kirklareli. La strada di ritorno al confine bulgaro, attraversa la parte occidentale del monte Yildiz / Strandzha dove il bosco diventa più denso e comprime la visione del paesaggio regalando momenti di meditazione sulla natura primitiva.

Strandzha Mountain

Dopo il suo ultimo ritorno in Bulgaria il percorso passa attraverso il territorio del Parco Naturale "Strandzha", la più grande area protetta del Paese. Uno dei motivi per l'abbondanza di flora e fauna in Strandzha è la posizione geografica della zona, sito nel crocevia bio-geografico tra i continenti europeo e asiatico. Qui la strada ancora una volta rasenta il confine entrando nella ex zona di protezione nel villaggio di Slivarovo. Seguendo la valle del fiume Veleka si attraversano lungo il percorso le fitte foreste finchè la strada corre ad incontrare il Mar Nero a Sinemorets. A soli dieci chilometri, attraverso il lungomare roccioso, il villaggio Rezovo segna il gran finale della Cortina di Ferro e del suo percorso ciclabile! Una torre di guardia al posto di frontiera osserva strettamente il confine alla foce del fiume il vero confine tra la Bulgaria e la Turchia senza possibilità di andare oltre. Fortunatamente, un servizio di barche è in previsione da parte del governo per attraversare e proseguire oltre.

 

Associazioni di riferimento del progetto:

Il sito ufficiale del portavoce sulla politica dei trasporti  al Parlamento europeo e ideatore del sentiero della Cortina di Ferro

 

Bulgaro Partenariato ambientale Foundation (Bulgaria)

Website of the Romanian bicycle club

Europea Cyclistics Federation

eurovelo 13 mappa

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna