• slide1
  • slide2
  • slide3

Baja California

Ciaobici travelnerddesert

Baja California

Da Las Vegas a San Josè del Cabo

  1500 km.  senza serpenti, senza scorpioni

“ La mia donna in tacchi a spillo” disse spontaneamente: "Oh, ma sono pochi non possiamo iniziare da qualche altra parte?". Che cosa succede? Questa donna in tacchi a spillo che è più frizzante di un bicchiere di vino spumante o cocktail a bordo piscina o sulla spiaggia, desidera più chilometri in bicicletta?

Come sempre, tutto ebbe inizio con una domanda: dove la prossima avventura? I Deserti mi hanno sempreCiaobici travelnerd4 affascinato e così decido per Baja California che mi girava sempre nella mente. Ora c'era solo un problema (come sempre!): convincere la donna! Ma con mia grande sorpresa, ha detto subito “Caspita è bello, ma troppo facile!” Una rapida ricerca sull’atlante e il percorso è stato chiaro. Si tratterebbe di andare da Tijuana fino alla punta meridionale della Baja California. Programmiamo i chilometri che avremmo dovuto percorrere ogni giorno. Ma ciò che è venuto dopo, non riesco a crederci fino ad oggi. Ironia della sorte, la “donna in tacchi a spillo” disse spontaneamente: "Oh, ma sono pochi non possiamo iniziare da qualche altra parte?". Che cosa succede? Questa donna in tacchi a spillo che è più frizzante di un bicchiere di vino spumante o cocktail a bordo piscina o sulla spiaggia, desidera più chilometri in bicicletta? In ogni caso, ho preso subito l'opportunità inaspettata e prospettato due alternative: o avremmo iniziato da Los Angeles o da Las Vegas. Dal momento che entrambi non avevamo nessun desiderio di Los Angeles, la scelta cadde su Las Vegas. Temendo che la donna si sarebbe potuta stabilire con i suoi tacchi a spillo in un resort, avevo cercato di sottolineare la difficoltà della grande distanza. Ma era già troppo tardi e il percorso così è stato impostato in via definitiva. Beh, almeno era chiaro dove saremmo atterrati in aereo, e da dove saremmo partiti per il ritorno. Il resto lasciammo all’immaginazione e alla organizzazione in loco.
Las Vegas ci accolse a metà dicembre. Purtroppo mancavano pezzi agli scatoloni dell’imbarco. La dogana americana aveva confiscato o smarrito alcuni piccoli pezzi imballati considerati esplosivi o farmaci non conformi. Il lungo volo e il tempo di spostamento supplementare che ci fecero arrivare all’albergo alle dieci di sera. Alle quattro del mattino mi sono svegliato e stava piovendo. Eravamo nel bel mezzo del deserto, ma era proprio vero. Sembrava più come una pioggia monsonica. E non è stato limitato alla notte. Anche durante il giorno successivo pioveva ancora e il sole non fece mai visita attraverso le spesse nubi.

Ciaobici desert fogDeserto del Mojave
La mattina dopo il cielo era sereno e iniziammo pedalare fino a mezzogiorno sotto il cielo blu. Era fresco, ma ancora sopportabile. Nel pomeriggio percorremmo una tranquilla strada di campagna parallela all'autostrada a sud. Ma questa era chiusa più avanti. Google Maps qui aveva visto una strada. Ma non c'era nemmeno una strada. Abbiamo dovuto pedalare in autostrada (highway ), sperando di non essere intercettati dalla polizia stradale. Per fortuna tutto è andato liscio e alla sera abbiamo piantato il campo a 500 metri dalla autostrada, nel deserto. Era la nostra prima notte all'aperto su. E poi è stato "fresco". Tanto che il mattino successivo era pure congelata la bottiglia d’acqua da 1,5 litri lasciata fuori dalla tenda. Che sarebbe stato freddo, lo sapevamo, ma su questo eravamo impreparati e poi non avevamo neppure i vestiti adatti. Era così freddo che abbiamo dovuto utilizzare i calzini come , ma ancora era così freddo che le le dita facevano male continuamente. Che inizio ...

Joshua Tree National Park.
Il giorno successivo attraversammo il Joshua Tree National Park nella Mojave National Reserve, percorrendo la storica Route 66 e attraverso il Parco Nazionale. Questo parco aveva portato grande benessere a me. Se si proviene da nord lungo un unico gigantesco crinale c’è la migliore vista su un vasto altopiano aperto. Dovemmo arrendersi a causa del freddo, così abbiamo dovuto godere della vista dal punto di vista della ruorta in poche parole.


Baja California in Messico
Abbiamo pedalato attraversando la città di confine messicana di Mexicali, sul Mar Salton. Qui la temperaturaCiaobici travel nerd era più calda e stava per terminare lentamente il freddo che avevamo accumulato in questa giornata. Ma i giorni scorsi avevano lasciato il segno. Per tre giorni, combattei con l'influenza e la febbre moderata. La tosse era così forte che ho dovuto prendere per forza l’antibiotico. Poi anche Claudia fu colpita da febbre. Fu così che decidemmo di passare al piano B: indietro e riposo forzato a San Felipe del Bahia per 3 giorni in un hotel .

El Huerfanito.

Superato il brutto attacco influenzale finalmente procedemmo. Appena dietro Puertecitos c'era una strada nuova che portava in una strada sterrata . Questo ha condizionato il nostro procedere rendendolo più faticosa. Ma ci sono stati anche buoni tratti con poco traffico. Solo un paio di jeep e camion militari hanno attraversato il nostro cammino. Un tratto molto buono per il cicloturismo. A proposito di Coco Place, un centro etnico pazzo del nulla, idilliache spiagge appartate e deserte, abbiamo visitato Laguna Chapala e quindi di nuovo sul pavimento nero dell’asfalto. Dopo un viaggio tranquillo siamo arrivati a Guerrero Negro. A parte guardare le balene, non c'era davvero molto che potesse interessare un torero di strada. Ma era la vigilia di Capodanno così abbiamo trascorso la notte in questo luogo. E 'stato sicuramente uno dei più noiosi fine d’anno che possiamo ricordare. Gli abitanti erano tutti in casa. A mezzanotte erano tutti sul balcone per un incendio alla stazione dei pompieri. Il fatto costituiva una novità, Il traffico era abbondante. Molti messicani hanno trasformato in gioco percorrendo, in su e in giù, la strada principale . Bel modo per festeggiare il Capodanno. La mattina dopo abbiamo aspettato fino a mezzogiorno, prima di muoversi, per motivi di sicurezza. Pensavamo che le persone ubriache, a quell’ora, non sarebbero più state in viaggio in auto. E così arrivammo fretta a San Ignacio. Un bel paesino. Ma la vera attrazione è stata la laguna. Nel bel mezzo del deserto, sorge subito molto verde - con palme e tutto ciò che è tipico di una laguna. Ci siamo sentiti quasi come in Africa, quando si vede l'acqua in una sola volta, dopo una traversata del Sahara. Logicamente, abbiamo montato la nostra tenda proprio sull'acqua.

Ciaobici travelnerd 2

Il Paradiso?

La mattina successiva il vento era soffiava forte per la prima volta. In precedenza non era mai stato così e ci era andata sempre piuttosto bene. Ma ora era venuto esattamente, come potrebbe essere altrimenti, dal fronte e voleva sapere le novità, da noi. E così abbiamo combattuto la nostra lotta con il vento contrario su per le montagne. Per fortuna, qualcuno ci indicò un via carrabile. Così raggiungemmo rapidamente la costa e, infine, la Bahía de Concepción. Avevamo già sentito parlare. Dovrebbe essere "il" paradiso. Questo è tutto - non solo per noi. Eravamo ormai abituati a notti solitarie in una tenda da qualche parte nel deserto. Anche se le spiagge erano davvero grandi, abbiamo dovuto ancora fare difficile amicizia con tutti i campeggiatori. In effetti, ci sono altri pedalatori in tutte le spiagge e di routine costruiscono la loro tenda nel deserto.

Playa Santispac
Superata Loreto, una città di medie dimensioni sulla costa, abbiamo proseguito verso la seconda missione più antica in Baja California, San Javier. Fin qui, tutto bene. Questo è il centro della Sierra de la Giganta.Ciaobici Sierradelagiganta Come suggerisce il nome "Giganta", abbiamo dovuto lavorare sodo per arrivare fino alle montagne. Ma ne valeva la pena. Ben presto siamo passati dall’asfalto alla ghiaia. Abbiamo percorso il viaggio da soli,e anche San Javier era deserto senza turisti. Semplicemente paradisiaco. Peccato non aver avuto più tempo, avremmo potuto soggiornato per una notte. Venne il momento di montare la tenda, perché la pista stava peggiorando, fino a quando finalmente siamo arrivati sulla sabbia pura. "Ha pedalato" è forse la parola sbagliata per questo. E' stato piuttosto un po' affaticarsi, bloccati nella sabbia, la bicicletta da sollevare, spingerla di qualche metro e salire un paio di metri, indietreggiare. Questo gioco durò più volte.

Giornata nebbiosa

Due giorni dopo, il clima era peggiorato, vento contrario! In realtà, la parola non rende il vero. Assomigliava di più ad una piccola tempesta quella che stava venendoci incontro. E ci ha sorpresi sopra una catena montuosa. Quindi eravamo contenti quando arrivammo a La Paz.

La Paz  

Avevamo sentito parlare molto di La Paz. Non è solo la capitale della Baja California Sur, ma con circa 170.000 abitanti, è la più grande città del sud della Baja. Anche se è stato bello tornare in una città con tutte le sue comodità, non eravamo più abituati alla vita cittadina. Così decidemmo di trascorrere la giornata qui anche se non previsto. Surfer in Los Bariles Seguì una giornata con breve escursione sui pedali che ci condusse a Los Barriles, sul Golfo del Messico. Questo è il paradiso del windsurf, perché qui le onde non sono mai normali con questo forte vento. Ma non ero in vena di navigare. Una febbre improvvisa, poco dopo l'arrivo, mi ha fatto vomitare le mie budella (scusatemi le parole). Così Io ho dovuto trascorrere il giorno successivo in tenda e Claudia, finalmente, a godersi il sole sulla spiaggia. Il giorno dopo mi sentivo come nuovo e abbiamo raggiunto per l’ora di pranzo San Jose del Cabo. In verità un po’ fuori rotta rispetto al luogo della partenza del volo due giorni dopo. La città, però, non aveva nulla per cui entusiasmarsi, così dopo un giro intorno per la città ci dirigemmo lungo la costa attraverso un sentiero sterrato. Una baia isolata con una grande spiaggia di sabbia ci ha ospitati per la sera. Un luogo perfetto per trascorrere la notte in tenda. E a completare la meraviglia di questo posto e renderlo indimenticabile, una balena apparve a 100 metri dalla costa rallegrandoci con le sue evoluzioni. Che spettacolo maestoso, non poteva essere migliore. Tutto è stato perfetto.

Ciaobici lhuerfanitoSan José del Cabo

Il resto fu routine. Almeno abbiamo pensato. Finché non fu ora di cercare imballi adeguati al trasporto delle biciclette. Fu sorprendentemente difficile. Cercammo per ore attraverso la città fino a quando trovammo qualcosa che poteva costituire un compromesso. Il lavoro di smontaggio dei componenti fu affare mio, mentre la “signora con i tacchi a spillo” si godeva l’ultimo sole. Le ruote smontate e ogni parte possibile, finirono dentro le scatole e queste rattoppate con nastro adesivo. L’imballo per la stiva era terminato e mi sembrava sicuro. Poi ci rilassammo. Il mattino successivo un taxi ci portò in aeroporto per il ritorno in Germania.
Oh, sì, c'era ancora qualcosa: I serpenti a sonagli e scorpioni. No, non siamo riusciti a vederli, purtroppo, tutto il tempo. Era troppo freddo ed erano tutti sotto terra per la gioia di Claudia. (By Travel Nerd)



Visualizzazione ingrandita della mappa

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna