• slide1
  • slide2
  • slide3

Eurovelo 13 - Iron Curtain Trail (1)

eurovelo 13 itc border

Iron Curtain Trail

Eurovelo 13 - dal Mare di Barents al confine Estone

Lo scopo della Iron Curtain Trail, che è ancora in fase di sviluppo, è di trasferire anche l'idea di Storia sperimentandola pure a livello europeo. Questo percorso di 6800 km guida icicloturisti e i cicloviaggiatori dal mare Barents nel confine russo-norvegese al Mar Nero, lungo quella che era la cortina di ferro, che adesso non è più che una linea di demarcazione, semplicemente un simbolo di una condivisa, esperienza pan-europea in un'Europa riunificata. (Michael Kramer)

 

 

 

eurovelo 13 itcnorwayIl sentiero inizia presso il Mare di Barents, segue il confine russo-norvegese e quello Finlandese con la Russia lungo il Mar Baltico. Incontra la costa di Estonia, Lettonia, Lituania, Kaliningrad, La Polonia e la ex DDR. Da Lubecca segue l'ex confine tra Germania Est e Ovest, fino al punto dove Sassonia, Baviera e Repubblica Ceca si incontrano. Allora conduce attraverso le alture della Selva Boema, passando dalla Moravia e Bratislava, la capitale della Slovacchia, e attraversa il Danubio a Vienna. Lungo il confine meridionale dell'Ungheria percorre il sentiero in Slovenia, Croazia e Serbia. E poi segue sostanzialmente il corso del Danubio tra la Romania e la Serbia prima attraversando la Bulgaria e l'ex Repubblica iugoslava di Macedonia, con deviazioni in Grecia e Turchia e, infine, termina sulle rive del Mar Nero in Bulgaria. Il sentiero corre attraverso numerosi parchi nazionali e combina una vasta gamma di paesaggi unici che sono in gran parte rimasti intatti grazie alla loro posizione sul confine e le ex zone di esclusione. E’ anche un collegamento a innumerevoli monumenti, musei e strutture all'aperto a memoria della storia della divisa Europa e il modo in cui è stato superato dalle rivoluzioni pacifiche in Europa centrale e orientale. Come per la "Pista del Muro di Berlino" e il " Sentiero del Confine Tedesco " L’ICT può utilizzare qualsiasi strada lastricata di frontiera ancora esistente. Il progetto è in lavorazione in molti paesi e regioni d'Europa, e numerose sezioni sono già state completate e segnalate dalle rispettive nazioni. Ci sono naturalmente molte alternative che si possono prendere per percorrere questo sentiero. Sia per il tratto occidentale o il lato orientale, sia correndo più vicino al confine o più lontano, o su strade in fondo naturale e battute o su asfalto. Il percorso proposto corre il più vicino possibile al vecchio confine su superfici stradali adatte ad essere percorse in bicicletta, evitando strade trafficate. Spesso attraversa l'ex confine, fornisce informazioni sui monumenti e musei e comprende molti siti che testimoniano la storia.

 Il sentiero della Cortina di Ferro inizia nel lontano nord Europa, nei pressi della città norvegese di Kirkenes. Da qui,eurovelo 13 finland la prima sezione porta a Neiden sul confine norvegese-finlandese. Una caratteristica notevole di Kirkenes, l'unica grande città nel nord, è la vicinanza con la Russia. Il Museo Country Border e il monumento ai caduti, commemora la liberazione da parte dell'Armata Rossa, dopo quattro anni di occupazione tedesca nell'autunno del 1944, fornisce una buona introduzione al ciclo tour. Se si vuole avere un'esperienza di prima mano di come fosse divisa l'Europa, è possibile andare alla città di Storskog, della Norvegia, unico confine ufficiale verso la Russia, che si trova a circa dieci chilometri dal centro di Kirkenes. È tuttavia difficile l'ingresso in Russia a causa del visto. E’ per questo che il percorso pianificato attraverso la Scandinavia corre lungo il confine con la Russia, ma non sul suolo russo. Da Kirkenes, la prima tappa del viaggio lungo la ex Cortina di Ferro segue il confine finlandese-norvegese. Neiden, il centro orientale del popolo Sami della Norvegia, è la prima città ad essere attraversata, famosa per la sua eccellente pesca al salmone. A proposito, vale la pena fare una deviazione per Vaggatem vicino al confine, dove un campo di prigionieri di guerra, ora restaurato, funge da ricordo della storia della regione. Da lì si può anche facilmente raggiungere a piedi il cartello che segna il punto dove i confini di Norvegia, Finlandia e Russia si incontrano, ma attenzione: è severamente vietato proseguire oltre questo punto!

eurovelo 13 itc  finland 2Se si continua a seguire il percorso principale, si attraversa il Confine Norvegese con la Finlandia a Näätämö, e dopo altri 30 km si raggiunge Sevettijärvi, il centro del Inari Skolt Sami. Le loro case sono costruite lungo il ciglio della strada e offre uno spaccato del Patrimonio “casa” di questa cultura nordica. Il percorso prosegue attraverso boschi isolati e brughiere. Nel prossimo grande villaggio, Inari, è possibile approvvigionarsi e visitare anche il notevole Museo Sami, noto anche come Museo Nazionale della cultura Sami. Vale anche la pena di prendere un giorno di deviazione verso l'estremità meridionale del lago Inari, conosciuto come il “ punto di incontro di tre culture”, poiché la popolazione qui è costituita di Inari Sami, di finlandesi che si sono trasferiti qui nel 1920 e 1930, e Russi Ortodossi Sami, che si stabilirono qui durante la seconda guerra mondiale. Si supera quindi Saariselkä, il villaggio più settentrionale l'Unione europea, e Tankavaara, dove si può imparare l'arte del panning per l'oro. Gli amanti della natura apprezzeranno il pittoresco percorso sopra la palude Ilmakkiaapa, a pochi chilometri a sud. Poco più in là, una speciale attrazione vi aspetta in Savukoski, se si è disposti a fare una breve deviazione. Secondo la leggenda, Santa Klaus vive sulla vicina montagna di Korvatunturi. Il vostro viaggio continua lungo il vecchio confine est-ovest attraverso Salla e il Parco Nazionale Oulanka con le sue gole, canyon, valli e letti fluviali. Il percorso attraversa quindi il paradiso dei pescatori tra Hossa e per Suomussalmi. Vi è una mostra permanente su "La guerra d'inverno in Suomussalmi" che invita a conoscere la storia della Finlandia nella seconda guerra mondiale. Immediatamente poi si pedala lungo una parte autentica di questa storia, il Raate Road. Questo è stato il luogo della battaglia decisiva di Suomussalmi nel 1939-40, in cui la divisione 44a dell'esercito sovietico è stata annientata. All'altra estremità della strada si trova il solo posto di guardia di frontiera in Finlandia del periodo prima e seconda Guerra mondiale che ora ospita un museo che è stato riportato alla sua originale condizione del 1939. Il Museo della Guerra d'inverno più a sud in Kuhmo . Kuhmo è famosa anche per la sua nuova architettura in legno finlandese del celebre architetto internazionale Mikko Heikkinen e Markku Komonen, e per il suo annuale festival di musica da camera in estate. Proseguendo lungo la strada in direzione Lieksa si passa il Jyrkänkoski, memoriale di guerra, prima di entrare ancora una volta in una gran parte di paesaggio desertico. Lieksa, con la sua splendida cornice dei laghi e collina, merita una visita per vedere il secondo più grande museo all’aria aperta in Finlandia. Il sentiero della Cortina di ferroeurovelo 13 itc scandinavian part ora passa attraverso Ilomantsi, dove ha avuto luogo la battaglia decisiva nella guerra finlandese-russa nell'estate del 1944. Esistono diversi monumenti e nella "Casa dei Combattenti" si commemorano questi eventi. Dal Ilomantsi, il sentiero passa un certo numero di piccole villaggi fino a raggiungere Värtsilä, che è stato diviso in una sezione russa dopo le guerre ed è così diventato un monumento speciale per la divisione del continente europeo. Non lontano si trova il posto di frontiera di Niirala, il valico di frontiera più orientale europeo sulla terraferma. Il percorso segue poi lungo una stretta strada sterrata lungo il lago Kiteenjärvi a Kitee. Si continua attraverso Puhos, Lappeenranta e Uukuniemi a Siikalahti, il più interessante lago della Finlandia per appassionati di birdwatching e non solo. A sud della città di Simpele si trova un'attrazione costruita dall’uomo: l’antica centrale idroelettrica di Ritakoski e Lahnasenkosk, che vale la pena visitare. Per chi volesse concedersi ristoro dopo i tanti chilometri ineurovelo 13 itc russian border sella, c'è un bellissimo lago con acqua cristallina non lontano da Laikko. Coloro che preferiscono concentrarsi sulla storia dovrebbero pedalare fino Miettilä, dove c’è un antico posto di guarnigione. La caserma per riservisti costruita nel 1880. Merita una visita come sito storico. Dopo Miettilä si pedala lungo una strada museo costruita nel 1989, che vi condurrà lungo un tratto di confine che è stato molto conteso in passato. Più a sud, vicino alla città di Imara, vi è il museo di confine del presidio di Immola, che in origine fu fondato da funzionari di frontiera locali come un modo di passare il tempo. L'obiettivo principale della mostra permanente è la storia delle frontiere e guardie di frontiera della Finlandia dopo che il paese è diventato indipendente. Vicino Imatra si dovrebbe anche ammirare la famosa cascata Imatrankoski, una delle destinazioni turistiche più popolari della Finlandia. Il sentiero prosegue lungo il Canale di Saimaa, che permette il traffico fluviale di frontiera russo-finlandese. In Nuijamaa poi dovreste dare un'occhiata a una delle chiese ricostruite, delle molte distrutte durante la guerra. Prima di raggiungere la fine della sezione Scandinavian c'è un’ ultima particolare attrazione storica in Miehikkälä: ospitato in un vecchio bunker, il Museo della Linea Salpa (Salpalinjamuseo) commemora la pesantemente fortificata linea di difesa della seconda guerra sul confine orientale. A pochi passi più avanti si avvicina Virolahti, che è a otto chilometri dal confine con la Russia e segna la fine di questa sezione del percorso.

dalla Romania al Mare Nero

Estonia-Lettonia-Lituania

eurovelo 13 mappa itc prima parte

index

StampaEmail

Commenti   

0 #3 pure 2015-09-04 05:57
Great web site. Plenty of useful info here. I'm sending it to some friends ans also sharing
in delicious. And naturally, thanks on your effort!
Citazione
0 #2 Guest 2015-02-22 09:41
Spot on with this write-up, I absolutely believe this
web site needs much more attention. I'll probably
be back again to see more, thanks for the advice!
Citazione
+1 #1 enrico bontempo 2014-01-03 13:29
estremamente interessante ma vorrei avere piu documentazione per poter organizzare il viaggio la prossima estate .


Se desideri ti mettiamo in contatto con un amico che l'ha percorso nell'estate 2013 e il mese prossimo lo presenta nella sua città.
La Redazione
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna