• slide1
  • slide2
  • slide3

Islanda, paradiso per cicloturisti

travel nerd per ciaobici

 

 

cicloturismo in Islanda

paradiso per cicloturisti

 

 

 

Evocare l’Islanda è musica per le orecchie di un ciclo-viaggiatore. E che musica! Melodia per un paesaggio aperto e di pura libertà.

 

 

travel nerd pingvellirAlmeno questo era il sogno. Con l’amico Rainer partimmo con le nostre biciclette per Reykjavik. L’inizio semplicemente perfetto. Cielo blu e l'ago della temperatura pari a oltre 20 gradi Celsius. Sulla strada per l'aeroporto a Reykjavik, abbiamo incontrato un altro cicloturista in T-shirt e pantaloni corti. Era talmente abbronzato che sembrava fosse appena arrivato dall'Africa. Bene, speriamo che il meteo continui su questa strada. E lo ha fatto. Anche se le nuvole si erano raccolte, siamo arrivati a Thingvellir con il bel tempo. Un posto veramente interessante. Oltre alla storia islandese, (sede del primo parlamento democratico nato in Europa) le placche continentali europee e americane si incontrano qui. In particolare, vanno alla deriva, con conseguente grandi, profondi crepacci, dentro i quali si può anche camminare.  Dove altro si può stare con un piede in America e l'altro in Europa? E con un clima fantastico abbiamo pedalato per Geysir. Va bene, il grande geyser è da tempo fermo e non rende giustizia al suo nome. Ma il suo immediato vicino, lo Strokkur che è attivo, scoppia ogni 5 minuti ed esegue uno spettacolo davanti agli turisti stupiti.travel nerd islanda
Un po' più in basso la strada arriva già alla cascata di Gullfoss. Anche se è considerata la più bella cascata in Islanda, non posso essere d'accordo. A mio parere l’altezza di 122 mt. di Haifoss è molto più impressionante. Ma forse questo dipende perché Haifoss è lontana dai principali itinerari turistici ed eravamo praticamente soli. Poi il tempo cambiò. Il cielo blu durò solo nei nostri ricordi per i primi due giorni. Le temperature confortevoli pure. Il termometro variava tra 10-12 gradi e non ha più recuperato da questa media fino alla fine del tour. Ma quando il sole faceva capolino tra le nuvole per breve tempo, attraversare i corsi d'acqua era ancora un piacere.

travel nerd GullfossPeccato che il sole fosse presente solo raramente. La musica aveva cambiato nelle nostre orecchie il suo livello di gioco. Da melodici toni piacevoli è mutata in rumore stridente. Il vento aveva lavorato la sua strada fino al livello 10 e, infine, aveva superato la scala Beaufort. Dopo la legge di Murphy, naturalmente, abbiamo avuto un vento contrario. Con questa tempesta, in bicicletta era vera tortura. Anche in discesa il computer non segnava più di 6 km/h. Spingendo la bicicletta non sarebbe stato molto più lento. Non solo questo. Pedalare diventò sempre più difficile, piantare le tende praticamente impossibile. Per evitare il rischio che si spezzasse, non la piantammo. I picchetti venivano semplicemente spazzati via dalla tempesta. Trovammo, così, comoda la camera offerta nei grandi tubi pluviali che attraversavano sotto la strada.

travel nerd islanda 3

Per esperienza maturata nei miei tour in molti paesi, sapevo che il forte vento diminuisce significativamente durante la notte e il mattino successivo a volte è di nuovo cessato. Non abbiamo avuto questa illusione, ma eravamo fiduciosi che avrebbe almeno potuto rallentare fino al mattino successivo e sarebbe bastato partire più tardi nel corso della giornata. Pertanto, abbiamo caricato la sveglia per alzarci molto presto. Quando uscimmo dal letto (si fa per dire) a metà del riposo la mattina, era ancora tempesta e anche la nostra camera-tubo, era così ventosa che abbiamotravel nerd islanda hotel subito fermato la sveglia, cercando freneticamente di riprendere a dormire.Delusi, abbiamo continuato a lottare tutto il giorno. Aspettammo con ansia virando a nord di circa 90 gradi verso Sprengisandur. Anche il vento cambiò direzione leggermente e rimase sempre un vento contrario. La sua forza spremeva tutte le nostre energie e questo fu alquanto demotivante. L'umore non migliorò la sera, quando la tempesta era altrettanto forte come il giorno prima. Così abbiamo dovuto soggiornare in un altro tubo pluviale anche una seconda notte.  La mattina seguente tutto è rimasto invariato. Non vedevamo l’ora di riprendere la bicicletta per la strada verso Sprengisandur. Essa conduce da sud dell'Islanda attraverso altopiani verso il lato settentrionale dell'isola. Ma con una tale tempesta, non era divertente. Era da noi sopportata come una sfida sportiva, era necessario spegnere il cervello e semplicemente far girare i pedali.
Quella notte, la nostra prima negli altopiani, siamo stati più fortunati, perché c'era una specie di piccola conca, nella quale, ci proteggemmo dalla burrasca. Così abbiamo alzato le tende rapidamente e poco dopo eravamo caduti in un sonno profondissimo. La mattina dopo, l'Islanda si è presentata con un lato un po’ più bello. Il vento era sopportabile e, talvolta più tardi in quel giorno, avevamo anche il cielo blu. Questo non poteva nascondere il fatto che era diventato piuttosto freddo.

 travel nerd Sprengisandur                       

Ancora una volta, l'Islanda dimostrava che il suo meteo poteva cambiare quasi istantaneamente. L'inverno sembrava essere arrivato con leggera nevicata in piena estate. Per fortuna eravamo già vicino alla capanna-rifugio Nýidalur. Una notte gratificante, la nostra prima notte in un edificio "reale". Sarebbe l'ultimo. L'inizio dell'inverno aveva i suoi lati buoni (o dovrei dire belle facce?). Le montagne con la glassa bianca sulle loro cime sembravano ancora più belle di come le avevamo osservate senza neve.  Dopo che Rainer aveva intensamente interpretato lo spettacolo del suo hobby preferito (riparazione di gomme), eravamo in sella di nuovo per raggiungere Husavik, che è al largo della costa nord. Un ottimo posto nel bel mezzo di un fiordo, con un fantastico scenario di montagna. E siamo stati molto fortunati: quella notte una grande festa era in pieno svolgimento. Una vera esperienza, soprattutto perché non stava travel nerd Dettifoss waterfallfacendo buio di notte e avevamo completamente perso il nostro senso del tempo. Abbiamo proseguito lungo la costa nord, attraverso il Parco Nazionale Jökulsárgljúfur e direttamente alla cascata Dettifoss. E 'stato davvero incredibile. Anche gli islandesi davanti alla cascata erano in soggezione per la massa d'acqua in caduta. Anche se la costa era molto bella, la chiamata degli altipiani era sempre più forte. Infine, ci siamo diretti verso il basso lungo il percorso Kjalvegur. Anche se non è lontano dal percorso Sprengisandur, il paesaggio è molto diverso. E aveva anche una sorpresa in serbo. Il rilassamento profondo sulla piscina Kjölur. Più o meno a metà del percorso Kjalvegur è Kjolur sono termicamente attivi. Un piacere assoluto saltare nella piscina naturale dopo una lunga giornata in bicicletta. Da un lato acqua fredda fluisce nella piscina, dall'altro lato si aggiunge acqua bollente. A seconda di dove ci si trova la piscina, corrisponde più freddo o più caldo.  E'stato un vero angolo di Paradiso.  Ma non fu solo la piscina il Paradiso. Anche l'ambiente, attivo termicamente, aveva qualcosa da offrire. Lungo il percorso della Kjolur gorgoglii e sibili accompagnavano gli schizzi di fango ovunque. Sulla strada per il percorso Kjalvegur, abbiamo incontrato un altro cicloturista. Una di quelle fortunate coincidenze. Citravel nerd Surreal landscape ha riferito di Kerlingarfjoll, qualcosa aveva ostruito la strada principale. E Dopo aver parlato molto bene di quel paesaggio surreale con i suoi colori stravaganti, bastarono pochi minuti per decidere che bisognava andare da quella parte. Fu una decisione giusta. Kerlingarfjoll sarebbe diventato un punto culminante del nostro tour. I colori erano davvero sorprendenti. Anche se il tempo ancora non voleva stare al gioco, è uscito il sole per un paio di minuti. Fu così che i colori cominciarono a brillare in modo corretto. Ci sarebbe piaciuto rimanere più a lungo, ma purtroppo il tempo stringeva ed è sempre avaro con chi va adagio e la data di ritorno si avvicinava e abbiamo dovuto fare in fretta per tornare a Reykjavik. Qui abbiamo avuto un breve assaggio della vita notturna e poi la mattina dopo, abbiamo ripercorso la strada per raggiungere l'aeroporto. Siccome avevamo un po’ di tempo ancora, abbiamo deciso di fare un pit stop al Blue Lagoon. Non può essere all’altezza delle altre piscine naturali dell'isola, ma se si ignorano le masse di turisti, una breve sosta rende la Laguna Blu più sopportabile. Senza pioggia, siamo finalmente arrivati al campeggio vicino all'aeroporto. Le biciclette furono rapidamente smontate nelle loro singole parti e confezionati in alcune scatole di cartone. La mattina presto ci siamo seduti sull'aereo e guardammo l'Islanda dall’alto.

travel nerd Rainers favourite hobby

travel nerd islanda 4

Più ci allontanavamo dall’isola, più la musica tornava tranquilla nelle nostre orecchie. Ma una cosa sembrò certa: un giorno ci sarà dato di seguire nuovamente la musica che come una sirena ci chiamava dall’Islanda.

Versioni in Inglese e in Tedesco

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna