• slide1
  • slide2
  • slide3

Eurovelo 13 - Iron Curtain Trail (2)

ciaobici iron curtain trail estonia isole 09

Estonia, Lettonia, Lituania

Piccola area, grande diversità

Questa sezione del percorso ICT che attraversa il Mar Baltico può essere relativamente breve nel suo complesso, ma offre una notevole gamma di ampia campagna, di cultura e di storia, così come l'opportunità di scoprire tre Paesi in rapida successione.

  Il viaggio attraverso il Mar Baltico inizia in Estonia orientale, o per meglio dire al porticciolo di Silamae che in tempi precedenti non è segnato sulleciaobici iron curtain trail lituania 1 mappe ufficiali perché era un importante produttore di barre di combustibile per le centrali nucleari sovietiche. Il centro conserva ancora tracce di sovieticità. Da Silamae segue la costa in direzione ovest. Questo ti porta l più antico parco nazionale dell'Estonia, Lahemaa, o “terra delle insenature”. Qui si passa da vecchie fattorie e il villaggio di pescatori di Altja, e in estate è possibile visitare la spiaggia di Vosu, la città principale del parco nazionale. Sulle tracce della Storia della guerra fredda dell'Estonia , si può visitare il “'Memorial Park per le vittime della Crudeltà” in Hiiemae, che commemora i deportati in Siberia dal 1992. Molti dei rappresentanti delle vittime Estoni hanno piantato in questo sito querce commemorative.Il percorso poi procede oltre Capo Purekkari, il punto più settentrinale dell'Estonia e posizione di una stazione radar sovietica durante la guerra fredda. Si continua su tutta la penisola Pärispea, passando un grande cimitero con sarcofagi, risalente al 500 a.C. e su attraverso Loksa alla capitale estone di Tallinn, che è stato conosciuta come Reval fino al 1918.ciaobici iron curtain trail tallin A Tallinn si deve prima passare attraverso la porta di Maardu prima di raggiungere la parte medievale della città, che è ancora in gran parte circondata da una cinta muraria. La spiegazione più comune dell'attuale nome della città deriva da "Taani linn", che significa "città danese" in estone e risale a quando il re danese Waldemar II conquistò Tallinn nel 1219. Oggi il luogo clou della "città danese" è la parte vecchia della città con le sue numerose torri. Dal 1997 è Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Altre attrazioni sono il Museo di Arte Moderna e il palazzo Katharinental, un piccolo palazzo barocco dal XVIII secolo. Dopo aver esplorato Tallinn si continua il viaggio
in direzione sud-ovest. Dopo pochi chilometri si supera il museo nazionale dell'Estonia a cielo aperto “Rocca al Mare”, che, se siete interessati alla storia, vi porta indietro nel passato con la sua ricostruzione
delle case del villaggio provenienti da diverse regioni dell'Estonia. Il percorso prosegue attraverso i villaggi costieri di Laulasmaa e poco dopo Kloogaranna, e poi sopra la Penisola Pakri, che era un sito di lancio di missili per Varsavia, Paese del patto durante la guerra fredda. In Paldiski, un porto utilizzato per essere una base navale sovietica segreta, è ancora possibile vedere le rovine degli impianti dell'Armata Rossa. Da qui il sentiero prosegue, attraverso Padise e Nova, al centro storico verso la cattedrale di Haapsalu, in parte situato su una penisola. ciaobici iron curtain trail estonia isole 03Una volta che si è fuori di Haapsalu di nuovo si può continuare o in traghetto attraverso le isole di Hiiumaa e Saaremaa, o su terra a Pamu. Le due isole sono particolarmente belle e meritano una breve visita per gli amanti della natura. Coloro che optano per proseguire su strada l’itinerario porta attraverso piatta campagna in direzione di Lettonia. Si passa la bella chiesa gotica in Ridala, (XIII secolo) e là si può prendere una pausa nella riserva naturale Nehatu o visitare una delle tante isole al largo della costa. Si ciaobici iron curtain trail estonia 07arriva a Parnu, "capitale estiva" dell'Estonia, che prospera nei mesi più caldi. Sarà quindi possibile finalmente raggiungere il Confine lettone vicino Ikla. Una volta in Lettonia, il sentiero della Cortina di ferro corre prima attraverso la Riserva della Biosfera del Nord Vidzeme, una zona di bosco misto, brughiere, dune, praterie costiere, laghi naturali e fiumi. Coloro che amano la vela ameranno Ainaži, il sito della prima scuola di vela della Lettonia, dove si trova un museo e che fornisce informazioni sul tema. Proseguendo lungo il percorso che si poi arriva a Limbaži. In questa città anseatica - una delle otto in tutta la Lettonia - è come se il tempo si fosse fermato. La gente sta appena cominciando a scoprire il patrimonio della loro cultura. Un pezzo più noto della storia della guerra fredda lo trovate più a sud in Ligatne. Qui nei pressi di un sanatorio c'è una bunker a prova di bomba atomica che è stato utilizzato dal governo Lettone della Repubblica Sovietica. È particolarmente interessante poiché è ancora nel suo stato originale. Sulla strada verso Riga troverete anche la città di Sigulda, il centro del quale non è particolarmente attraente oggi grazie agli edifici grigi di epoca tardo sovietica. La funicolare sulla valle del Gauja tra il Sigulda e Castello Krimulda merita una visita.ciaobici Eurovelo 13 sigulda Sull'altro lato del fiume, in Turaida e Krimulda, vi è un imponente castello che è una delle attrazioni più famose della Lettonia. Una volta ancora avrete a sinistra Sigulda, avvicinandosi a Riga. Tra gli altri si passa attraverso Ulbroka-Stopinu, dove la prima stazione radio lettone è stata istituita dopo la guerra nella torre alta 125 metri . Il 22 agosto del 1991, soldati l'unità speciale sovietica OMON fecero irruzione nella stazione radio durante il “putsch di agosto” e tentarono di far saltare le apparecchiature, ma senza successo. Riga, capitale della Lettonia, con una popolazione di circa 730.000, è la città più grande degli Stati baltici. Antica citta anseatica sul fiume Daugava è famosa per la sua architettura Art Nouveau e un centro ben conservato. Come a Tallinn, Riga ha anche un Museo dell'Occupazione della Lettonia, per commemorare le sofferenze di migliaia di Lettoni sotto l'occupazione tedesca e sovietica (1941-1991). In questo museo si può leggere la cartella del patto tra Hitler e Stalin che è stato tenuto segreto. Da Riga il percorso si dirige poi verso il mare. Si attraversa la più grande città termale nel Baltico, Jurmala, ricca di ville e cottage che si riempiono di gente nei giorni di fine settimana. Durante la stagione calda la città offre un programma culturale di primordine. Da Jūrmala si segue la spiaggia fino ad arrivare a Klapkalnciems, dove troverete cimiteri militari finlandesi, sovietici e tedeschi. Se vi dirigerete più a sud, poco dopo Engure, potete raggiungere il Parco Nazionale del Lago Engure, dove è possibile rilassarsi in riva al lago. Circa 20 chilometri al di là di Kolka una particolare sorpresa culturale vi aspetta in Mazirbe, che è il centro di una delle piccole comunità etniche in Europa, i Livoni ugro-finniche. Tracce della cortina di ferro si possono visitare un po' più avanti a Irbene, dove poche case abbandonate e in rovina, una torre
e installazioni militari sono tutto ciò che rimane di quello che era una importante base strategica sulla costa baltica per l'esercito sovietico. Se si segue la strada costiera più a sud si raggiunge l’antica città anseatica di Ventspils, il cui ben ristrutturato, centro storico vale la pena esplorare. Il Castello dell’Ordine di Livonia ospita il Museo di Ventspils, che raffigura tutti gli aspetti della vita quotidiana lettone e di Livonia
compresa la pesca e la vita contadina. Oggi questo porto è il principale punto di presa per il petrolio russo e carbone.
Verso sud si lascia Ventspils lungo una strada ben costruita. Vicino Priednieki si passa un monumento che commemora gli abitanti della zona che sono annegati mentre cercavano di fuggire dall’avanzata dell'Armata Rossa in Svezia nel 1944-1945. Pochi chilometri più a sud si arriva a Liepāja, uno dei gioielli della Curtain Trail Iron. I turisti occidentali stanno appena iniziando a scoprire questa città, la cui architettura sembra sia stata congelata nel tempo a cavallo del XX secolo. I visitatori sono affascinati dalle sue case di sei piani, palazzi e, in particolare il quartiere residenziale, dai giardini del centro termale, con i suoi edifici in stile liberty. Museo Liepāja, che comprende una sezione dettagliata sul passato tedesco della città, merita una visita. Sarete anche sorpresi di scoprire, tra i grandi palazzi, la splendida Cattedrale di San Nicola. Altrettanto impressionante è l'ex base della marina russa sul Baltico a Karosta, a nord della città, che si trovava qui per la sua vicinanza alla Germania e perché è permanentemente senza ghiaccio. Scoperta da artisti, oggi Karosta è un centro d'avanguardia per progetti di arte contemporanea provenienti da tutta Europa. Il percorso poi continua via Nica e Rucava al confine lituano.ciaobici iron curtain traillettonia p2 04 Dopo aver attraversato il confine con la Lituania, il sentiero prosegue attraverso la piccola cittadina turistica di Šventoji con la sua passeggiata popolare e case per vacanze risalenti all'epoca sovietica. A pochi chilometri vi troverete sul molo Palanga, visitato da orde di turisti in estate. Solo un breve tragitto più a sud, si passa una piccola curiosità storica: due case nei boschi sono tutto ciò che resta di quello che una volta era Nemirseta (Nimersata in Curonian). Fino al 1920 aveva costituito il punto più a nord della Germania ed era conosciuto con il nome Nimmersatt "Nimmersatt, dove finisce l'Impero". L'ex casa doganale e quello che era l'ultimo ristorante prima raggiunto il confine sono stati ora convertiti in abitazioni. L’Iron Curtain Trail continua a Klaipėda (ex Memel), che è stata fondata dai commercianti di Dortmund nel 1253 accanto a un castello medievale costruito dai cavalieri dell'Ordine di Livonia. Oggi la città è un importante terminal per i traghetti e il porto commerciale. Il Simon Fontana Dach su Piazza del Teatro è un popolare sito turistico e punto di riferimento della città. Lasciando Klaipėda, i restanti chilometri della sezione lituana percorrono la penisola di Neringa, che può essere raggiunta con il traghetto. Una pista ciclabile ben segnalata lungo gli abbracci con le dune del Curonian Spit. In Nida, è possibile visitare la casa di Thomas Mann sulla laguna. Il confine con la Russia, Kaliningrad, è l'ultima tappa di questo tratto della Cortina di ferro su pista ciclabile.

iron curtain trail LEttoni Lituania

 

 

Lo scopo della Iron Curtain Trail, che è ancora in fase di sviluppo, è di trasferire anche l'idea di Storia sperimentandola pure a livello europeo. Questo percorso di 6800 km guida icicloturisti e i cicloviaggiatori dal mare Barents nel confine russo-norvegese al Mar Nero, lungo quella che era la cortina di ferro, che adesso non è più che una linea di demarcazione, semplicemente un simbolo di una condivisa, esperienza pan-europea in un'Europa riunificata. (Michael Kramer)

 

 

 

ciaobici Iron curtain trail jurmala

ciaobici iron curtain trail estonia 02

ciaobici iron curtain trail lettionia3

parte prima Dal Mare di Barents al confine estone

parte seconda Dalla Romania al Mar Nero

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna