• slide1
  • slide2
  • slide3

Eurovelo 13 - Iron Curtain Trail (4)

ciaobici eurovelo 1Dall'antico confine Triangolo per il Danubio fino a Bratislava

ciaobici eurovleo mappaAttraverso la Repubblica ceca, la Slovacchia e l'Austria: il punto di partenza è vicino Hranice nella Repubblica Ceca. Una volta impostato tutto, troverete che vale la pena fare una prima sosta a Trojmezí (Gottmansgrűn), il più antico insediamento in questa regione, nel punto conosciuto come il Border Triangle, dove i confini della Sassonia, Baviera e Repubblica Ceca si incontrano. Due chilometri oltre Trojmezí si percorre all'inizio la strada utilizzata da convogli militari a fianco dell'ex segnalazione di recinzione, dove è ancora possibile vedere un vecchio posto di blocco. Si prosegue da ASa Cheb (Eger), passando il checkpoint a Liba / Dubina, e si segue il segnale turistico. Lungo questo percorso si trova un gran numero di storiche pietre di confine. Vicino al checkpoint Pomeziciaobici Eurovelo 6 sul Zelene Hory (Grunberg), esiste una torre di pietra di avvistamento restaurata, e visitarla vale ben la salita. Tornati sulla propria bicicletta, si prosegue in direzione di Cheb e si giunge all’ ex posto di blocco di Svaty Kriz (Waldsassen), dove un monumento commemora le 82 vittime della cortina di ferro eretto nel 2006 sulla parte ceca. Il sentiero prosegue ora lungo il versante tedesco del confine del villaggio di Bayerisch Eisenstein (Železna Ruda). Lì, si attraversa di nuovo e si pedala lungo la Moldava a Vyssi Brod, dove si può attraversare in Austria e immettersi sulla Kamp-Thaya (Pista ciclabile di Marzo). Da Kunšach si procede verso nord al parco natura Draice, usato in passato per essere il sito della più grande ferrovia in Boemia. La via di rifornimento militare continua verso Nova Hut e di là a Přední Maršovina, dove si può ancora vedere un edificio un tempo utilizzato dalle truppe di frontiera, che è ora una pensione. A nord del lago di Stankovsky, vicino al Chlum u Třeboně frontiera, si può visitare un parco di cervi. L'originale porta delle fortificazioni di confine si trova ancora sul lato nord del parco. Il prossimo punto di interesse si trova a sud del villaggio di Artole, dove vedrete una torre di avvistamento, una volta utilizzato dalle truppe di frontiera. Poco dopo, si incontra un altro pezzo di storia alla periferia di Cizov, sotto forma di un tratto ben conservato della via di rifornimento militare, compreso il recinto di filo spinato e una torre di guardia. Dalla frontiera Mikulov / Drasenhofen, il sentiero corre verso est, lungo una linea ferroviaria, oltre la Valtice / Celnice frontiera e gli edifici conservati utilizzati dalle truppe di confine. Nel parco dei cervi rossi Soutok si può ammirare l’ uso pragmatico fatto del passato: una parte della recinzione intorno agli animali è costituito da resti della cortina di ferro. Infine, circa 14 km più a sud, si raggiunge la confluenza dei fiumi Morava e Thaya, dove la sezione ceca della ex Cortina di ferro si conclude. Il sentiero porta alla sezione slovacca della ciclabile. Lunga circa 90 km, rappresenta una porzione significativa del complesso, ma grazie alle numerose attrazioni e la sua pittoresca riva del fiume ciaobici Eurovelo 44percorsa, vale la pena uno sforzo in più. Prima, si segue il fiume Marzo. Pochi chilometri dopo si scopre la prima traccia di storia a lato della strada: un ben conservato complesso sistemaciaobici eurovelo 7 difensivo costituito da circa 100 bunker e fortificazioni nei prati alluvionali. I cechi li costruirono nel 1930 a difesa contro la Germania di Hitler. Quindi si arriva alla deliziosa riserva naturale di Zahorie, dove il sentiero corre per decine di chilometri attraverso un particolare paesaggio pianeggiante di foreste alluvionali e prati. Si continua attraverso le foreste, oltre le pittoresche cittadine di Moravsky Svaty Jan e Hohenau, con la sua antica fortezza che un tempo offriva protezione contro l'invasione da parte dei Turchi. Potete anche visitare una ex caserma usata dalle truppe di confine. Continuando in bicicletta lungo il Canale Malolevarsky e il torrente Lakšarsky Potok si arriva alla cittadina di Male Levare. Ancora una volta, si trovano reliquie della Seconda Guerra mondiale: una linea di difesa con diversi bunker costruita qui sul modello della linea Maginot. Il sentiero prosegue attraverso distese di foreste, e ci saranno ancora vedere alcuni posti di blocco di cemento e filo spinato aggrovigliato lasciato dal recente passato. La tappa successiva è Suchohrad, che era considerata come un "luogo senza prospettive di sviluppo", durante il periodo del regime comunista. Ecco perché nessun nuovo edificio o insediamento è stato permesso lì e gli stranieri dovevano essere registrati all'arrivo. La stessa sorte colpì Zahorska Ves, il più occidentale luogo in Slovacchia, che oggi si presenta come un museo a cielo aperto dell'era comunista. Dopo Vysoka, dove recinzioni di filo spinato dividevano i giardini della popolazione in due durante la Guerra Fredda, si pedala accanto ai resti di una recinzione verso la capitale slovacca Bratislava, passando attraverso le zone umide della riserva naturale di Marzo-Schwemmland,ciaobici eurovelo 8 una delle più importanti in Slovacchia. Ci sarà modo di ammirare anche lo storico Castello di Devin, un monumento nazionale di epoca romana. Non lontano da lì, si trova un memoriale per le vittime del regime comunista. Il sentiero prosegue poi lungo il Danubio, tra il pendici ai piedi dei Carpazi, attraverso la periferia di Bratislava e del confine austro-slovacco a Petržalka. Infine, si raggiunge la capitale di Bratislava, che merita una visita prolungata solo per il suo centro storico. Questo sezione del sentiero della Cortina di Ferro finisce all'incrocio dei confini tra l'Ungheria, Austria e Slovacchia, il sito di un grande complesso di caserme durante la Guerra Fredda.

ciaobici eurovelo 2

ciaobici eurovelo 3

Il sito ufficiale del portavoce sulla politica dei trasporti  al Parlamento europeoe ideatore del sentiero della Cortina diFerro

Tradotto dall'originale a cura della redazione di ciaobici. Precedenti parti pubblicate nella categoria cicloviaggi

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna