• slide1
  • slide2
  • slide3

labicicheride2Libertà di sorridere

Ho scelto un cartello sulla mia bici che dice: la bicicletta è libertà.  Le alternative, “motore ecologico”, “aiuta la città”, “non inquina” mi convincevano molto meno. Mai avrei pensato di mettere lo slogan di una bicicletta in correlazione con il buonumore e il sorriso, (doti in verità a me molto rimproverate). Lessi che R. Claire sostiene che" il sorriso è il vero segno della libertà". Vale fare il salto di qualità: il tempo matura l'acerbo e il musone. “Il sorriso come la strada non si compra, è indocile non servo”. Così mi sono detto “libero sulla strada, libero di sorridere”. “E' comico l'individuo che segua automaticamente il suo cammino, senza darsi pensiero di prendere contatto con gli altri. Il riso è là per correggere la sua distrazione o per svegliarlo dal suo sonno” (H. Bergson). Concludo perché mi sembra di pedalare su un terreno troppo serio, ma tanto vale farlo, per l'ultima volta. Queste pagine saranno per quanti amanti della bicicletta e non, vorranno trovare un motivo per sfidare “un difetto o una deformità che non cagiona né dolore né danno”. E se l'ha detto Aristotele a proposito del sorriso, non dobbiamo riderci sopra.