• slide1
  • slide2
  • slide3

Perchè vado in bicicletta?(3)

bici bracciale

Perché vado in bicicletta?

motivi, emozioni, ragioni

Theresa Carrara partecipante a “Agony Breathless 2013” (114 Miles/12, 000 metri di arrampicata) "Agony Breathless" è  meglio nota come “Festa della Sofferenza”. Alla cena di della vigilia con la squadra ieri sera qualcuno mi ha chiesto:"Perché lo fai??!"

Perché qualcuno può desiderare di alzarsi al buio per pedalare attraverso gli aranceti alla prima luce dell’alba? Perché qualcuno dovrebbe voler mantenere una strada in disuso chiamata "Jack Trail Rabbit", che è più fattibile da una mountain bike che con una bici da strada? Perché qualcuno sano di mente vorrebbe scalare la minacciosa Oak Glen Road, sfidando per pareggiare i professionisti? Perché qualcuno dovrebbe lasciare una perfetta sosta ad Angelus Oaks per sfidare 19.1 chilometri di salita fino al vertice di Onyx, per un totale, in quel punto del 11.000 e più ft di arrampicata in 74 miglia? Chi conosce le ultime tre miglia di quella strada sa che sono ... difficili ... semplicemente difficili!? Perché lo faccio? Forse perché mi piace l'odore di fiori d'arancio di una mattinata piena di promesse dove tutto è pèossibile, e le avventure di solito, accadono. Forse è perché mi sentivo forte, sicura di me, e non dovevo smettere oggi su Jack Rabbit Trail. Forse è perché Oak Glen di solito prende il mio culo, ma oggi sono io la vincitrice. Forse è perché ogni volta che mi avvicino agli ultimi 3 miglia c'è una vista mozzafiato, e poi, quando la sommità Onyx si pone in vista, per qualche ragione, un pianto irrefrenabile di gioia e di sollievo mi prende e lacrime rotolano giù per le guance, e l’ultima smorfia si trasforma in sorriso! VITTORIA .... euforia ... e per un breve momento ... “BADASS!; Perché io ancora posso! Perché ancora ho vinto (nonostante la mia età)! Perché oggi ho raggiunto la cima sette minuti PRIMA del “Cut-Off “. Oggi ho legato il mio 2010 PR! E perché oggi non ho finito DFL! "

 

bat biciLeslie Savannah Curtiss

il mio ciclismo è poesia in omaggio al mio amico (Ceil Murphy) che se n’è andato, ma io continuo a pedalare avanti! Chilometro dopo chilometro, sorriso dopo sorriso, abbiamo viaggiato a lungo, due cuori che battevano per la stessa canzone. La vita era sempre presente, storie di amici ad ogni curva, amici che vivono insieme, amici martellano il vento. Alcuni giorni scintillavano, altri piangevano, alcuni giorni diventavano sfide, il viaggio non finiva mai. Il vento, la strada, le marce, il grasso, il sudore, le risate, il piano, la salita, gli amici, i percorsi, le preghiere, gli anni, siamo insieme per sempre, gonfiando pneumatici e rettificando gli ingranaggi del cambio. Dio ci ha messo insieme e non ci possono allontanare alcune miglia di distanza. Il tuo coraggio e la devozione rimarrà sempre nel mio cuore.

Daniela da Vicenza

Vado in bicicletta perché così non mi lascio sfuggire i profumi delle piante, in ogni stagione dell'anno, i colori della città e della campagna, e la musica che vibra nell'aria. Il ritmo dei pedali è la colonna sonora dei miei spostamenti, evita di farmi innervosire nel traffico e mi culla mentre, stanca, rientro verso casa.

 Tim Cullen

"Vado in bicicletta perché possiedo una faccia, perché voglio vedere i miei nipoti, perché le “maglie nere” sono cattivi compagni! Pedalo per quello che c'è dietro l'angolo. Pedalo per quelli che non lo possono fare. Vado in bicicletta per coloro che sono caduti in nome della pace e pedalo per salvare me stesso. Vado in bici perché ha un'anima. "

Kelly Badeker

"Pedalo per le donne in tutto il mondo che cercano di perdere peso. Pedalo perché non voglio avere il diabete. Corro per essere una donna sana, madre, moglie e amica. In bicicletta mi sento più felice quando lo faccio. Vado in bicicletta perché vedo e sento i risultati. Ho perso 27 £, 3 pollici di mio busto, 3 cm in vita e 3 pollici di miei fianchi! mi sento più forte, e mi vedo già meglio! Vado in bici perché voglio VIVERE ! Nessuno seduto sul divano possono capire la sensazione di chi va pedala. Fallo anche tu, lo puoi! Get up! Iniziare è facile! Ogni giorno vi sentirete meglio. Sarà difficile, e si può andare in palla sulla pista ciclabile, come ho fatto io, ma vi prometto che sarà valsa la pena!

Karen Solverson

Ho iniziato a pedalare a 40 anni, perché mi dolevano le articolazioni troppo per continuare a correre. Ho continuato aBici al macero ad andare in bicicletta per molte ragioni. In primo luogo, perché mi sento il vento sulla faccia sulla prima discesa, e ogni momento, sentendomi il sorriso diffuso in tutto il mio viso io sono improvvisamente vivo, pienamente vivo. Sono libero di tutto, illuminato e la mia anima si apre di nuovo. In secondo luogo, vado in bici perché mi piace come si modella il mio corpo, invece di lasciare che sia il cibo a dare forma al corpo. Mi fa venire voglia di mangiare meglio, e in indossare pantaloni corti in pubblico. In terzo luogo, pedalo per riconoscenza. Io di solito faccio 16-20 miglia, e dedico metà della mia corsa per cancellare la mia mente di tutto e dire quanto io sono grato per come vado. Questo è tempo di essere grati, mi spinge a pensare a tutte le piccole cose nella mia vita o la vita intorno a me che ho preso per scontato, e davvero mi fa pensare e ringrazio. Infine, pedalo perché posso. Può sembrare sciocco, ma quando ho un colle aspro e il fiatone grosso mi suggerisce che sarebbe più facile smettere, allora inizio a dire a me stesso: "Sto facendo questo per…………che non può a causa di……” Sappiamo che molte persone che hanno avuto il cancro nella loro vita e penso a quei ragazzi che vorrebbero essere fuori di là su una bicicletta, o a quelle persone che sono troppo pesanti per alzarsi dalla sedia, e pedalo per loro. Il ciclismo è un dono. Sono così grato per questo e solo avrei desiderato iniziare 20 anni prima! "

Eja Costa

Mi piace il tuo commento, "Pedalare è un dono." E 'veramente un dono, ci sono molti che vogliono andare in bicicletta, ma non sono in grado di poterlo fare.. Ogni volta che salgo in bici ringrazio il buon Dio, perché anche se ho il diabete e l'asma, riesco ancora a montare la mia bicicletta e guidarla. Una delle mie figlie ama il surf e lei partecipa a un evento chiamato Rolls Life On, dove i surfisti abili prendono a bordo anche navigatori non abili e li aiutano a stare a bordo e navigare un po'. Vorrei che ci fosse qualcosa di simile a questo per i ciclisti, forse la parte di una squadra di tandem.

sotto il sole in bici

leggi prima parte

leggi seconda parte

Leggi quarta parte

StampaEmail

Commenti   

+1 #2 Marco 2013-06-04 14:18
Sperando di rivederci al piu presto in montagna del alto adige praticando lo Sport che preferisci.
Tantissimi saluti dal ABINEA Dolomiti nel patrimonio del UNESCO




Grazie Marco per l'invito. Le Dolomiti, Patrimonio Unesco, ma patrimonio di tutto il ciclismo mondiale.
Citazione
0 #1 Gil Gilberti 2013-06-03 23:26
...se uma pequena parte da humanidade desfrutasse desta sensibilidade e consciência de Daniela, começaríamos a mudar o mundo, "só espero", eu que sou apaixonado por belas máquinas velozes, "que em alguns poucos anos, forçadamente, tenhamos todos que voltar a usar este meio maravilhoso de locomoção, O PLANETA VEM SENDO ABUSADO E VIOLENTADO EXCESSIVAMENTE NO CURTO ESPAÇO DE TEMPO DAS ÚLTIMAS SEIS DÉCADAS SE NOSSA 'REVOLUÇÃO INDUSTRIAL' E JÁ PEDE SOCORRO, DANDO SINAIS EVIDENTES DISTO, HAJA VISTO NOSSAS ALTERAÇÕES CLIMÁTICAS DESMEDIDAS E INEXPLICÁVEIS QUE SÃO FREQUENTES, SÓ NÃO VÊ QUEM NÃO QUER, MAS ISTO NÃO VENDE JORNAIS E GRUPOS DE INTERESSE NÃO GOSTARIAM DISTO", NÃO É AMIGOS, PARABÉNS FERNANDO DA RE, PARABÉNS DANIELA DE VICENZA!



Grazie Gil Giberti del tuo intervento e della sensibilità che dimostri. Daniela da Vicenza ha costruito una vera poesia. Pensare che la bicicletta possa suggerire tutto questo non è più incredibile. E' un fatto. La bicicletta sa commuovere. Ciao Gil.
(Traduzione dal portoghese)... se una piccola parte dell'umanità avrebbe goduto di questa sensibilità e di consapevolezza di Daniela, avremmo cominciato a cambiare il mondo, "spero solo", che sono innamorato di belle macchine veloci ", che in pochi anni, forzato, tutti dobbiamo tornare per usare questo meraviglioso mezzo di locomozione, il piano è stato abusato ed esaltato violentemente nello spazio più breve degli ultimi dieci decadi se la nostra 'rivoluzione industriale' e già chiede aiuto, dando segni di prova di questo, hanno visto il nostro cambiamento climatico sconfitto e inesplorabile che SONO FREQUENTEMENTE, NON VEDIAMO CHE NON VOGLIANO, MA NON VENDE I GIORNALI E GLI STAKEHOLDER NON VOGLIANO QUESTO ", NON SONO AMICI, CONGRATULAZIONI FERNANDO DA RE, CONGRATULAZIONI DANIELA DE VICENZA!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna