• slide1
  • slide2
  • slide3

La solidarietà sui pedali

scuola 2

La solidarietà si alza sui pedali

 

Quella che voglio fare conoscere  è  la proposta che sta portando avanti il “granello di senape Onlus” : biciclette per la scuola di Massaua. Parlare di solidarietà in un sito che si occupa di  cicloturismo può essere  non  semplice ed inefficace. Ma ogni strumento che  favorisca la diffusione e faciliti la realizzazione di un progetto, ritengo sia benvenuto. Se, poi,  l'iniziativa ha  a che fare con la bicicletta e il suo mondo, sia la benvenuta.

Associazione il Granello di Senape onlus

 Afferma il presidente della onlus Adriano Romano: “Abbiamo costruito con sforzi enormi e con la solidarietà di molti  una scuola a Massaua. Data la mancanza di mezzi di trasporto, gli studenti potrebbero raggiungere la scuola in bicicletta se ne avessimo a sufficienza. Le biciclette necessarie sono circa 1500.
Ne abbiamo già spedite 700 acquistate in provincia di Milano, completamente smontate. Le stanno montando a destinazione. Non saranno consegnate gratuitamente agli studenti, fino a quando non avranno frequentato, con profitto, un corso di educazione stradale che partirà i primi giorni di ottobre.” Spesso si unisce solidarietà a manifestazioni sportive a spettacoli teatrali o musicali. Ma se qualcuno ha bisogno di biciclette a chi rivolgersi se non a chi è sensibile già al problema e sperimenta quotidianamente il benefico effetto  di tale mezzo di trasporto?  Pensiamolo poi come l'unico mezzo possibile di raggiungere la  scuola per centinaia di studenti; ecco allora la situazione per la quale siamo chiamati ad  impegnarci. Alla domanda perchè non costruire le bici sul posto  dando così lavoro a maestranze locali, Il presidente risponde: “Chi conosce l'Eritrea, sa che vi esistono professionalità molto valide, e una possibile fabbrica di biciclette sarebbe manna dal cielo. Ma, come tutte le fabbriche del mondo, per funzionare avrebbe bisogno di materie prime, di attrezzature e di fornitori. Materie prime non ce ne sono in Eritrea. Per costruire un edificio bisogna importare il tondino da costruzione,  il legname da Dubai, e attendere a lungo  il cemento.
C'è un assemblatore di biciclette in Eritrea, si chiama Yemane Lupano, importa tutti i pezzi delle biciclette dalla stessa ditta da cui le abbiamo acquistate noi e poi le monta sul posto. Essendo un imprenditore, merce molto rara in Eritrea, crede di essere un padreterno. Non volendo sottostare a ricatti di alcun tipo, ho fatto un corso per il loro  montaggio presso la ditta produttrice di biciclette in Italia. Sono bravissimo ormai a montarle. Quando sono arrivate le biciclette smontate a Massaua, chiamai Yemane e chiesi se  dietro compenso onesto avesse potuto montare lui le bici. E' stata una lunga trattativa, ma  alla fine abbiamo trovato un accordo. Le biciclette le montano i suoi operai.” Gli Amici della Bicicletta di Verona hanno già aderito all'iniziativa,  questo sito personale, devolverà a tale iniziativa una parte dei proventi derivanti da contributi pubblicitari Google Adsense frutto delle vostre visite. Il resto lo dobbiamo fare insieme,  carissimi lettori e amici.

La quota prevista per l'acquisto di una bicicletta sono 65,00 Euro, ma ognuno può versare quanto crede con la causale: progetto biciclette scuola di Massaua.

Coordinate bancarie Unicredit Banca IBAN IT 39 T 02008 54770 000020231646
conto corrente postale 92246263  coordinate postali IT67 X076 0111 7000 00092246263

Intestato ad Associazione il granello di senape Onlus Indirizzo: via Portole, 5
25080 Soiano del Lago (Bs)

StampaEmail