Canale dei 2 mari ciclabile, Véloroute des Deux-Mers. Da Le Somail a Sète.

Quando il percorso Canale dei 2 mari raggiunge Le Somail, sviluppa la sua continuità verso Séte, ma per i curiosi e i desiderosi di novità può essere intrapresa la via che porta verso Port La Nouvelle (già descritto in queste pagine). Un successo di percorrenza invidiabile e straordinaria.

Il Canal du Midi in bicicletta: Le Somail / Capestang/  Béziers 45 km

 

ciaobici ciclabile 2 mari canale du midi 3mod

È quasi con dispiacere che lasciamo con la bicicletta Le Somail tanto il posto è accattivante, ma Sète pur non essendo troppo lontana, presenta ancora l’opportunità di scoprire molte situazioni e lo facciamo volentieri salendo nuovamente in bicicletta.  Raggiungere Capestang non è poi impresa lunga e impegnativa. Una breve sosta ci porterà ad osservare il campanile della chiesa St-Félix che si annuncia già lungo il cammino. Sarà la nostra direzione verso la piazza centrale del villaggio dove sarà bello riposarsi all'ombra dei suoi platani. È consigliabile inoltrare una richiesta di autorizzazione scritta all'autorità di gestione VNF, ai sensi dell'articolo R2424-68 del codice dei trasporti. Ci attende una nuova tratta ricca di eventi! Il tunnel Malpas è un'opera di ingegneria civile da non perdere. A due passi dall'Essérune Oppidum merita una visita e il colpo d’occhio sull'insolito stagno di Montaldy ti sorprenderà. Questo itinerario cicloturistico termina con il sito unico delle nove chiuse di Fonserannes e il bellissimo ponte sul canale di Orb, dove la vista della città di Beziers non manca di vivacità. Le nove chiuse di Fonseranes, a Béziers, è considerata l'opera più spettacolare del Canal du Midi, il sito più visitato dell'Hérault. La maestosità di Octuple (8 chiuse, 9 vasche ovali di fila) progettate da Paul Riquet, (vedi biografia e opere a piè di pagina) è una delizia per escursionisti e cicloviaggiatori. Consideriamo pure che 10.000 barche attraversano le 9 chiuse in un anno.

ciaobici ciclabile 2 mari canale du midi 4mod

Il Canal du Midi in bicicletta: Béziers / Agde/ Sète 50 km

Dal porto di Béziers, il Canal du Midi in bicicletta, ultima parte della lunga ciclabile dei 2 mari,  ci porta al mare. Dopo una breve incursione a Villeneuve-lès-Béziers e Portiragnes, a vostra discrezione, a raggiungere l'altezza di Roque High Bridge. Da lì la spiaggia di Portiragnes è vicina e facilmente accessibile per una nuotata rinfrescante! Infine, i sorprendenti lavori del Libron e il blocco rotondo di Agde sono vere curiosità. Il basalto nero che riveste l'antica città di Agde non mancherà di sorprendere, con la sua straordinaria cattedrale il cui campanile domina l'Hérault. Ultimi momenti di transito sul Canal du Midi che termina poi con la sua fusione nello stagno di Thau una volta arrivati al faro Onglous. Dalla spiaggia di Marseillan, la superba vista sul Lido verde, vicino al mare, vi condurrà a Sète, invitandovi perennemente ad una nuotata. Vasta l'offerta di hotel ed accomodation Sète. Come in altri casi questi tratti di itinerario possono essere soggetti a richiesta di autorizzazione scritta all'autorità di gestione VNF, ai sensi dell'articolo R2424-68 del codice dei trasporti.

ciaobici ciclabile 2 mari canale du midi 5mod

Con questo ultimo tratto vi è stato descritto l'intero percorso della ciclabile dei due mari- Vèloroute des deux-Mers, ma se volete viaggiare senza problemi ecco un volume consigliato: De Royan a Sète a vélo, le Canal des 2 mers autore Olivier Scagnetti pubblicato da Chamina edition.


Commenti di alcuni cicloturisti su questa tratto.

Un chiusino di ghisa nel mezzo della pista ciclabile all'altezza dell'Istel è pericoloso essendo al di sotto della strada. Può causare forature e altri danni altri costosi oltre a cadute.

Abbiamo percorso il canale laterale della Garonna e poi il Canal du Midi di Biganos-Bill a Sète dal 07/08/2018 al 14/08/2018. La pista del canale laterale della Garonna è asfaltata, ben segnalata e anche le distanze verso le città che attraversiamo sono molto ben indicate, che felicità! Per contro la pista del Canal du Midi è degradata quando ci si avvicina ad Agde come specificato negli altri commenti, senza essere segnalata”.

Ho percorso il Canal du Midi da Tolosa a Marseillan nell'aprile 2018. In realtà mi aspettavo vera pista ciclabile, ma sono solo strade sterrate con ciottoli e radici. A volte c'era solo un piccolo sentiero nell'erba. Non parliamo delle indicazioni… inesistenti! Peccato mi ero fatto un'idea diversa. Con la pioggia poi le strade erano impraticabili!

ciaobici ciclabile 2 mari canale du midi 7mod

 

Ritengo sia sempre utile informarsi sullo stato di conservazione di queste ciclovie a lunga percorrenza, che essendo di competenza di molte municipalità, possono presentare dimenticanze o ritardi nelle manutenzioni. Resta fermo il significato della loro straordinaria capacità di fare sognare e viaggiare in sicurezza”. LEGGI ALTRI RACCONTI DI VIAGGIO IN BICICLETTA DI FERNANDO DA RE

 

ciaobici ciclabile 2 mari canale du midi 6mod

 

Biografia e opera di Paul Riquet.

ciaobici ciclabile 2 mari canale du midi 2Paul Riquet nacque a Béziers, Francia. Sin da ragazzo Riquet era interessato soltanto alla matematica e alla scienza. All'età di 19 anni ha sposato Catherine de Milhau. Era «fermier général» (colòno generale) della «Languedoc-Roussilon» con la qualifica di appaltatore d'imposte, cioè era responsabile della raccolta e dell'amministrazione della gabella in Linguadoca. Riquet divenne facoltoso e gli fu concesso dal re di imporre le proprie tasse. Ciò gli conferì una discreta ricchezza, che gli consentì di eseguire grandi progetti con competenza tecnica. Riquet è l'ingegnere della costruzione del canale du Midi navigabile dalla lunghezza di 240 km che collega la costa meridionale della Francia alla baia di Biscay. Trattasi di una delle grandi opere ingegneristiche del XVII secolo. La logistica fu talmente immensa e complicata che gli antichi Romani ne discussero il progetto ma non lo realizzarono. Ciò nonostante re Luigi XIV fu propenso a realizzare il progetto, principalmente a causa dell'aumento delle spese e del pericolo per il trasporto marittimo delle merci attorno alla Spagna meridionale, dove i pirati erano comuni. La progettazione, il finanziamento e la costruzione del Canal du Midi assorbirono completamente Riquet dal 1665 in poi. Si presentarono numerosi problemi, compreso la navigazione intorno a molte colline e a un sistema per riempire il canale con l'acqua anche durante i mesi estivi. I miglioramenti nell'ingegneria delle chiuse e dighe del canale, e la creazione di un lago artificiale di 6 milioni di metri cubi permisero di risolverli. Il canale venne completato nel 1681, un anno dopo la morte di Riquet.

 

mappa intera percorso

Fernando Da Re

Un cuore, due gambe e una bicicletta. In testa sempre la fresca vivacità di raccontare. Il risultato lo ritroviamo in questo sito da lui creato e portato avanti con l’entusiasmo e l’impeto dell’atleta che cerca risultati.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER E RIMANI AGGIORNATO!