Madagascar in bicicletta, con Erik e Willem, avventure e disavventure

“È una strada leggendaria, perché non si può definire una strada. Per gran parte dell'anno non è possibile raggiungere la città isolata con una jeep quattro per quattro. Solo nella stagione secca le fuori strada hanno una possibilità. Se sia possibile raggiungere Maroantsetra su una bicicletta completamente carica, è ancora la domanda. Ci proveremo e vedremo cosa succederà in questo cicloviaggio”.

L'aeroporto di Ivato è piccolo. Arriviamo, io e Willmen, con il sole già basso e con le biciclette ci dirigiamo fino alla capitale, Antananarivo. Si trova a solo un chilometro dall'aeroporto, ma è ancora una sfida arrivarci. Devo portare l'enorme scatola bici nell'hotel. Nel mezzo della scatola c'è un piccolo foro che utilizzo come presa. Pedalando con una mano sul manubrio, con l'altra porto la scatola della bicicletta. Arriviamo sani e salvi fortunatamente. L'hotel ha un bellissimo giardino tropicale e un buon ristorante con vista sul giardino. I primi scorci del Madagascar suggeriscono che il paese ha abbastanza da offrire per tenerci impegnati nelle prossime quattro settimane.

ciaobici madagascar 2
1 ° giorno: Ivato - Antananarivo - Manjakandriana - Mandraka 72 km
Da Ivato verso la Route Nationale 2 ad Antananarivo. La capitale del Madagascar è di gran lunga la città più grande del paese con circa due milioni di abitanti. Quartieri affollati si alternano a vaste risaie che raggiungono l’interno della città. I malgasci sono mangiatori di riso e con le limitate infrastrutture del paese è necessario che il riso sia prodotto vicino alle persone. Anche nella città stessa. Siamo dotati entrambi di GPS ed è facile trovare il modo di attravversare i quartieri. Raggiungiamo la Route Nationale 2. Anche se oggi è domenica, il giorno più tranquillo della settimana, c’è un po’ di lotta per lo spazio limitato. Occorrono 45 minuti prima di attraversare definitivamente gli ultimi sobborghi. Ci troviamo in un paesaggio ciaobici madagascar 6collinare che è piuttosto verde senza una grande abbondanza di alberi, tra 1.000 e 1.500 metri di altitudine, il clima non è caldo e neanche freddo e il paesaggio non è mai piano ma non è nemmeno montuoso. È un po' naturale, un po' rurale e un po' urbano. Dopo sette anni ritorno a viaggiare con Willem, abbiamo condiviso molte avventure insieme. Scegliamo un percorso più corto rispetto alla strada asfaltata che qui fa una grande deviazione. Ci sarà un motivo per questa deviazione, quindi non ho l'illusione che la scorciatoia sia praticamente la scelta più conveniente, ma mi aspetto che sarà un intermezzo divertente. Già dopo poche centinaia di metri sembra che la scelta ripaghi. Stiamo pedalando su un sentiero fangoso che ci ha lasciato inondati di fangose ​​case con i caratteristici tetti a due falde. Fornisce una nuova visione nel Madagascar rurale. La gente sembra vivere di ciò che produce l'ambiente naturale. Il sentiero è molto stretto e talvolta molto ripido. Una sfida seria con la bicicletta, già con una vettura sarebbe una grande scommessa. Una pista che viene utilizzata forse un paio di volte all'anno al massimo. Occasionalmente ci sono canali profondi sulla strada. Le forti pendenze all'interno di questi canali sono una dura prova per me. Ho una bici da trekking con pneumatici piuttosto sottili e quindi non ho troppa presa. Willem ha una mountain bike e ha un po’ più di grip su questo tipo di superfici. Raggiungiamo il passo. La discesa è inizialmente impegnativa, ma presto la strada diventa più facile. Continuiamo a pedalare verso est sulla Route Nationale 2. Raggiungiamo Manjakandriana, la prima città dopo Antananarivo. È già tardi, l'unico hotel che viene mostrato sul GPS, non esiste più e sembra che non ci siano altre possibilità. Non c'è altro da fare che pedalare, pur senza certezza che ci sarà un pernottamento più avanti lungo la strada. Se non incontriamo nessun posto per dormire, possiamo percorrere una strada secondaria in una ventina di chilometri, dove speriamo di poter fermarsi anticipatamente. Attraversiamo paesaggi sempre più verdi. Nel mezzo delle colline tropicali si trova un bellissimo villaggio. Chiediamo per un hotel, non sembra essere così, ma a pochi chilometri da Mandraka dovremmo avere delle possibilità. Quindici minuti dopo raggiungiamo la riserva naturale Mandraka, dove troviamo un piccolo hotel con ristorante. Pernottiamo in una stanza semplice.

ciaobici madagascar 4
2 ° giorno: Mandraka - Moramanga - Andasibe 82 km
Andasibe, non è lontana. Intendiamo restarci nelle prossime due notti, in modo da avere il tempo di esplorare l'omonimo parco nazionale. Dopo Mandraka il paesaggio rimane collinoso e verde. La strada si snoda attraverso le foreste tropicali. Il paesaggio ricorda le foreste pluviali tra le Ande e il bacino amazzonico, anche se i paesaggi delle foreste pluviali del Sud America sono spesso più ripide. Comunque è bello andare in bicicletta qui. Poiché la strada è in gran parte in discesa, stiamo percorrendo la distanza facilmente e presto ci troviamo sull'ampia valle con campi di riso e alcuni villaggi. Nel primo villaggio mi fermo per una riparazione di emergenza. Ci fermiamo ancora un po’ in un vero negozio di biciclette. Willem compra una nuova camera d'aria per scorta. Attraverso un paesaggio ondulato stiamo cavalcando in una nuova ampia valle. Raggiungiamo Moramanga, la più grande città da quando abbiamo lasciato Antananarivo. La città sembra essere un grande formicaio. Le persone strisciano ovunque. Lo stesso vale per noi. Abbiamo anche bisogno di trovarci spazio tra il traffico. Stiamo cercando una banca ora. Ne abbiamo già trovate alcune, ma nessuna ha  accettato le nostre carte bancarie o di credito. Alla fine della città ne troviamo una. Dopo Moramanga il paesaggio diventa più verde e più nuovo e suggestivo. Verso Andasibe incontriamo un selvaggio paesaggio tropicale con enormi alberi. Superiamo l'ingresso del parco nazionale e pochi chilometri dopo andiamo in bicicletta nella piccola città di Andasibe, un luogo suggestivo in una valle tra le verdi colline. Troviamo un hotel semplice e accogliente per le prossime due notti.

ciaobici madagascar 5

3 ° giorno: Andasibe
Oggi visiteremo il parco nazionale. Sentiamo le grida inquietanti dell'Indri Indri già mentre facciamo colazione. Il richiamo del più grande dei lemuri arriva fino a due chilometri e possono anche essere ascoltati nel villaggio. In tutti i parchi nazionali del Madagascar è obbligatorio assumere una guida, quindi camminiamo lungo uno stretto sentiero con la guida che ci porta sempre più dentro la giungla. Devo dire che è una foresta bellissima, con molti tipi diversi di alberi e molte specie di felci e altra flora. Non incontriamo animali speciali finora. Tuttavia, ci avviciniamo all'Indri Indi, le cui urla lamentose ci arrivano con una quantità folle di decibel. Poi vediamo il primo, a circa trenta metri sopra di noi; lungo circa un metro e ha una faccia bianca e nera con gli occhi di un orsacchiotto. Sembra che l'animale non possa mai essere in grado di ferire un'altra specie. Più tardi ne vediamo parecchi nelle regioni più alte degli alberi. Ci inoltriamo nella foresta e vediamo un gruppo di lemuri marroni che stanno giocando intorno ad un'altezza tra i cinque e i dieci metri. È uno spettacolo mozzafiato vedere questi animali giocare così. La guida ci mostra le sue straordinarie capacità guidandoci alla ricerca dei camaleonti. Sebbene siano estremamente grandi, lunghi fino a cinquanta centimetri, sono difficili da individuare a causa dei loro colori protettivi. Il camaleonte più impressionante è dei Parsons. Dopo aver vagato con la guida per tutta la mattina e per tutto il pomeriggio, sento che questa esperienza selvaggia non sarà più superata in nessuna parte del Madagascar.

 

ciaobici madagascar 7

4 ° giorno: Andasibe - Beforona - Ranomafana - Brickaville 116 km
Oggi vogliamo andare a Brickaville, la città più grande con hotel dopo Andasibe. Quasi 120 chilometri di distanza, ma quei chilometri sono per lo più in discesa. Willem soffre di intestino, è debole e con lo stomaco in disordine. Ma lui vuole proseguire e così stiamo pedalando verso Brickaville.
Il paesaggio è inizialmente collinare e montuoso. La strada sale e scende continuamente, ma alla fine scendiamo un po’ più di quanto stiamo salendo. Lentamente le alte colline vengono sostituite da colline di medie dimensioni. Pranziamo in un ristorante semplice, dove io ordino la misteriosa soupe chinoise e Willem non mangia niente. La zuppa ha davvero un sapore cinese ed è gustosissima. Già mi piaceva la cucina malgascia, ma con questi piatti dai colori cinesi, la disponibilità di cibo era maggiormente versatile più di quanto immaginassi.
Negli ultimi cinquanta chilometri attraversiamo le pianure, ma non sono piane. Willem che non ha mangiato per tutto il giorno sta finendo le sue energie. È stufo delle tante, molte brevi pendenze. Gli ultimi chilometri sono improvvisamente piatti e quindi arriviamo a Brickaville, piccola ma affollata cittadina sulla riva di un ampio fiume vicino alla costa orientale. Una città di transito classica, ma con una bella atmosfera. Troviamo un hotel e ceniamo in un ristorante semplice. A Brickaville anche la cucina è dominata da influenze cinesi. Questa volta opto per il riz cantonnais, la variante malgascia del nasi.

ciaobici madagascar 9

5 ° giorno: Brickaville - Toamasina 104 km
Willem sembra aver recuperato.Oggi vogliamo raggiungere Toamasina, la città portuale più importante del Madagascar.  Raggiungeremo il grande ponte sopra un grande fiume.  Brickaville si trova lungo il fiume. Dal ponte abbiamo una bella vista sulle case e le barche sulla riva. Dall'altra parte del fiume ci sono nuove colline verdi, dove pedaleremo tra breve. La Route Nationale 2 corre lungo la costa, ma  troppo lontana per scorgere il mare. Ora siamo saliti verso la collina e quando raggiungiamo il punto più alto abbiamo la prima vista sull'Oceano Indiano. Le piste sono coperte da migliaia di palme. Scendiamo a valle. Ci aspettano trenta chilometri facili, facili. Abbiamo già pedalato per settanta chilometri. Tuttavia, non abbiamo ancora trovato un posto adatto dove mangiare. Nell'ultimo grande villaggio prima di Toamasina non c'è  nulla. Dopo il villaggio, Willem ha una gomma a terra. E la sfortuna non è ancora finita. La camera d’aria, che Willem ha comprato tre giorni fa per scorta, sembra essere da 11 pollici. Una gomma per una bici da bambino. Dopo mezz'ora abbiamo riparato la perdita e siamo di nuovo in viaggio. Questa volta siamo fortunati perché troviamo un hotel lungo la strada. Dalla terrazza ci sono belle viste sul paesaggio tropicale. Non riusciamo a mangiare un po’ per la cattiva presentazione del cibo un po’ per le lunghe attese. Decidiamo di superare gli ultimi trenta chilometri a stomaco vuoto. Alla fine raggiungiamo Toamasina: un centro storico, ma questo non significa che sia una città bellissima. Ampi viali, ed edifici maestosi fiancheggiati di palme. Tutto sommato, le strade e le case sembrano tutte uguali e non c'è niente di veramente speciale da vedere. Il luogo più interessante è la costa con una bella spiaggia con vista sul grande porto. Pranziamo in un famoso bar con un'eccellente insalata di mare e qualche ora dopo pranziamo di nuovo in un ristorante chic. Lo diamo per scontato, poiché d'ora in poi saremo in zone sempre più periferiche. Un baccanale finale prima che inizi la vera avventura.ciaobici madagascar 8

6 ° giorno: Toamasina - Vohitsara - Foulpointe - Mahambo 91 km
 I
nizia la famosa Route Nationale 5 a Maroantsetra. È una strada leggendaria, perché non si può definire una strada. Per gran parte dell'anno non è possibile raggiungere la città isolata con una jeep quattro per quattro. Solo nella stagione secca le fuori strada hanno una possibilità. Se sia possibile raggiungere Maroantsetra su una bicicletta completamente carica, è ancora la domanda. Questa è la parte facile del percorso, dove la strada è ancora asfaltata e dove ci sono perfino i ponti sui fiumi. Ma sento di avere un problema. Nausea e diarrea acuta. E così percorriamo in bicicletta la strada molto trafficata di uscita da Toamasina a Soanierana Ivongo. In realtà, la strada di uscita è molto più bella rispetto al centro "storico" di Toamasina. Tutti i tipi di veicoli con uno, due, tre, quattro o più o senza ruote stanno rotolando, rimbalzando, scivolando, strattonando o raschiando sulla strada con velocità enormemente diverse. In questo allegro ingorgo stiamo andando in bicicletta fuori città e continuiamo il nostro viaggio sulla Route Nationale 5. Attraversiamo un villaggio con capanne di erba, simile ai villaggi tra Brickaville e Toamasina. Poco prima di Vohitsara raggiungiamo l'Oceano Indiano. Qui la strada peggiora. Strisce di asfalto sono sostituite da strisce senza asfalto. Tutto il traffico perde molta velocità ai bordi dell'asfalto. Automobili e jeep possono percorrere i passaggi al massimo di un chilometro all'ora, io stesso devo viaggiare a dieci chilometri orari e Willem è l'unico che non ha bisogno di ridurre la velocità del tutto con la sua mountain bike.  Nel corso della giornata mi sento anche meglio. Fino a raggiungere Foulpointe, una città con case adeguate invece di capanne. Ci sono diversi hotelys, e pranziamo in uno di questi. Non oso mangiare altro che una zuppa cinese, ma mi sento male, non sopporto i forti odori e sono felice quando riprendiamo a pedalare.

ciaobici madagascar 14

Day 7: Mahambo - Fenerive - Soanierana Ivongo 80 km

Ho un po' di nausea e faccio colazione, nella certezza che non la terrò dentro. Il programma per oggi è di pedalare abbastanza lentamente in modo da bruciare poca energia ed essere in grado di raggiungere Soanierana Ivongo senza fame. Oggi sarà l'ultima giornata facile con asfalto sotto le ruote. Da domani ci troveremo di fronte a 240 chilometri di strade non asfaltate con il livello di difficoltà più alto. I primi quaranta chilometri consisterebbero in sabbia profonda, dove potrebbe non essere possibile pedalare con le nostre bici pesantemente caricate. Da come mi rendo conto ora, sarebbe utile qui una mountain bike con un bagaglio ultra-leggero. Potresti almeno sollevare la bici e in questo modo arrivare sempre. Non ho una mountain bike e la mia bici non ha borse ultraleggere, quindi scopriremo domani se avremo possibilità con le nostre bici. Stiamo attraversando villaggi con capanne di legno, le persone vivono una vita semplice, priva di lusso, ma sembra che ci sia abbastanza da mangiare. Fenerive è una città con case al posto delle capanne. Il traffico è un caos senza precedenti, pur essendo così piccola. Dopo Fenerive siamo di nuovo nel paesaggio tropicale, attraversiamo fiumi importanti, sopra dei ponti. Da domani sarà diverso a Sonierana Ivongo ci saranno solo traghetti, e ora ci domandiamo se effettivamente salpino o meno e per quanto tempo dobbiamo aspettare.

ciaobici madagascar 10

ciaobici madagascar 17Ancora non oso mangiare finché non siamo a Soanierana Be Ivongo, che raggiungiamo nel primo pomeriggio. Un hotel proprio di fronte al traghetto fa al caso nostro. L’altra parte del fiume, ampio un chilometro, lascia intravedere un bellissimo paesaggio tropicale con colline verde smeraldo: il paesaggio più bello finora visto secondo me. Cena, buono il cibo, nessun problema con il mio intestino. Si parla con un commerciante che conosce bene la regione e gli si chiede se sia effettivamente possibile per noi raggiungere Maroantsetra con le nostre biciclette a pieno carico. Con tempo e pazienza ci si riesce, questo è il consiglio che riceviamo. Ritornando in hotel all'improvviso, cado a terra, gemendo di dolore. Nell'oscurità completa mi sono slogato una caviglia in una buca vicino al sentiero. Nessuno in Madagascar ha un frigorifero, per non parlare del ghiaccio. Non c'è niente che io possa fare per prevenire il gonfiore e entro quindici minuti la mia caviglia è spessa come una patata di medie dimensioni. E’ incerto se potrò continuare questo viaggio ed è altamente improbabile che io possa iniziare la parte difficile della Route Nationale 5 a Maroantsetra domani o dopodomani. FINE PRIMA PARTE

ciaobici madagascar 15ciaobici madagascar 16

Fernando Da Re

Un cuore, due gambe e una bicicletta. In testa sempre la fresca vivacità di raccontare. Il risultato lo ritroviamo in questo sito da lui creato e portato avanti con l’entusiasmo e l’impeto dell’atleta che cerca risultati.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER E RIMANI AGGIORNATO!