Viaggio in bicicletta. Progettare, partire, scegliere la bici. Scrivere e fotografare.

Fuori il mondo ti sta aspettando e quando lo incontrerai “abbi la forza di rendere speciale ogni visione, l’energia di scoprire la meraviglia e le sfumature dei giorni dove gli altri vedono sempre le stesse cose”.

 

 

Muoversi in bicicletta è il modo migliore per   imparare a viaggiare con mente nuova, con la lentezza  necessaria per scoprire ambienti, paesaggi, natura, persone, culture. Tutte le doti e le lodi attribuite alla bicicletta da molti scrittori, le risparmio a voi che avete già dimestichezza con questa dimensione, che conoscete voi stessi e che siete pronti solo a partire. 2022 ciaobici.it progettare cicloviaggio 5 mod2.1

Partire per scoprire la propria Regione o per attraversare un Paese, progettare di attraversare un Continente intero, in bicicletta è possibile? Positivo! Molti gli esempi a cui possiamo ispirarci. Un' occhiata ai racconti di viaggio, brevi o lunghi, proposti in questo sito per farsene un'idea. Per gli impazienti di iniziare o di riprovare l'avventura,  informarsi è sempre buona cosa.

Considerazione generale per esperienza di viaggio in bicicletta

La bicicletta è il mezzo ecologico per eccellenza e non serve essere atleta per affrontare la strada in sua compagnia. Tutto diventa facile nel tempo con l’esperienza, istruiti solo dal desiderio, dallo stimolo e dal coraggio. E la preparazione? Vediamo alcuni consigli.

2022 ciaobici.it progettare cicloviaggio 1 mod2.1

Primo consiglio per esperienza di viaggio in bicicletta: progettazione, dove andrò?
Fare i conti con la propria disponibilità: quanto tempo ho per fare il ciclo-viaggio che ho in mente? Una o tre settimane, sei mesi, molto di più?  Dai 500 chilometri ai 5.000 od oltre, passa un pezzo di mondo che bisogna ridisegnare al vostro potenziale stimolo. Con precisione certamente, ma tenendo conto di variabili che possono venirvi incontro e come superarle. Pensate inoltre al periodo climatico, al fondo delle strade da percorrere, i centri in cui potete trovare assistenza o servizi. I requisiti per un attraversamento in solitaria del Kagikistan saranno molto diversi da quelli per un percorso a tappe lungo le ciclabili europee. Esplorate la conoscenza del vostro livello fisico, preparatevi culturalmente su che cosa chiedete e vi aspettate dal ciclo-viaggio, senza imporvi rigidità ed ostinazione, e non mettetevi in sfida con voi stessi. Al di là di considerazioni puramente sportive od emotive, date un senso al vostro percorso, colmatelo di valori.

2022 ciaobici.it progettare cicloviaggio 3

Secondo consiglio per esperienza di viaggio in bicicletta: partire soli o in compagnia?

Il viaggio in bicicletta è un nuovo tipo di avventura turistica che suscita curiosità e provoca incontri.  Ma non sempre quelli che immaginiamo! Molti sostengono che il cicloviaggio in solitaria è un'opportunità per scoprire se stessi. Altri ritengono esso sia pura libertà anche se condizionata dal rispetto delle regole di ogni Paese attraversato. In compagnia quando vi troverete a fare i conti con affaticamento, la fame, il disagio morale per aver scelto o essere inciampati in compagnia sbagliata, altri compagni, potrebbero rivelarsi esperienze diverse nel bene e nel male! Con gli amici, dunque, assicuratevi di essere in buona sintonia per una piacevole compagnia. Il progetto stesso deve essere pensato sin dall’inizio e basato su un'idea comune; se invece è frutto dell’esperienza di uno solo, a questo punto valutate l’interesse di tutti i possibili partecipanti sul programma. Prendete in considerazione i vostri desideri e valutate i desideri di tutti. Discuteteli doverosamente, attribuitevi delle competenze, ma durante il viaggio, oltre che contare l’uno sugli altri, siate remissivi e disponibili alle variazioni di umore e di programmi. Il viaggio che state facendo è l’unica possibilità in quel momento che avete per divertirvi, non rovinatevi il programma per testardaggine. Un viaggio in bicicletta, specialmente quando è lungo e difficile, può mettere a dura prova la vostra positività. Fate in modo che diventi un'esperienza di successo e con le basi per un'amicizia duratura. Non lasciate che il dissenso di un istante o di una giornata storta inquini giorni felici. Parlatevi direttamente di ciò che riscontrate sbagliato. Quando la situazione diventa difficile, anche i più piccoli dettagli infastidiscono, e possono trasformarsi rapidamente in un conflitto insanabile. Allora molta pazienza è indispensabile fino al raffreddamento dei bollori.

2022 ciaobici.it progettare cicloviaggio 4 mod2.1

Terzo consiglio per esperienza di viaggio in bicicletta: quale tipo di bicicletta è più adatto?

Investire in una bicicletta di buona qualità vi solleverà da molti problemi meccanici e tecnici. Non guardare alla storia dei grandi viaggi che hanno mostrato comunque la loro straordinarietà proprio per telai o manubri non appropriati. Pensate invece alle mille difficoltà a cui potreste andare incontro con mezzi tecnici inadeguati. La scelta della tua bicicletta sia sempre sottoposta ai criteri di: robustezza, semplicità, comfort! Il prezzo sia sempre adeguato a quello che chiedi. Non te ne pentirai. Nuovo o usato non è un problema, adegua comunque la tua conoscenza al tipo di bicicletta e approfondisci il contenuto tecnico per la sua eventuale riparazione. La maggior parte dei cicloviaggiatori preferisce scegliere un telaio in acciaio. Resistente, longevo e sempre riparabile. Esso presenta una elevata capacità di assorbimento di urti e vibrazioni, essenziale sulle lunghe distanze. Anche le ruote devono entrare a far parte del programma. Infatti le ruote dovranno sopportare portapacchi e borse, superare territori difficili o buche improvvise per cui è meglio optare per cerchioni solidi e pneumatici di qualità. I pneumatici possono salvarci anche dalle forature se utilizziamo quelli appositi forniti di una schiuma o gel antiforatura. Magari saranno un po’ più pesanti ma vi risparmieranno tante seccature lungo tutta la loro lunga durata.

ciaobici progettare cicloviaggio mod2.1
Scegliete la sella adatta al vostro tipo di corpo. Non partite se non avete sperimentato a lungo questo accessorio e soprattutto se non avete fatto il callo alla parte del corpo che andrà ad appoggiarvisi. Anche il manubrio ha una sua importanza. Esso, se bene impostato con la posizione, vi risparmierà tensioni al collo, spalle schiena e braccia. Quelli multi-posizione, o con barre ergonomiche all’estremità aiutano, ma possono aggiungere peso al peso.

Infine, i pedali faranno un lavoro immenso e per questo oltre alla qualità scegliete la solidità e la scorrevolezza, fluida continua senza gioco o intoppi (attenzione al loro smontaggio o rimontaggio in caso di spedizione della bicicletta).

Consiglio finale per la tua esperienza di viaggio in bicicletta: fotografare e scrivere.

2022 ciaobici.it progettare cicloviaggio 6

La tua avventura, breve o lunga, merita sempre di essere ricordata. Fallo scrivendo poco o tanto, ma scrivi sempre quello che provi e quello che vedi non tanto con gli occhi ma con il cuore. Fotografa persone e paesaggi, feste e incontri, curiosità e interessi; anche la tua bicicletta, ma non esagerare. Un viaggio in bicicletta non deve servire solo a te per ricordare, può aiutare anche altri a partire. Fuori il mondo ti sta aspettando e quando lo incontrerai “abbi la forza di rendere speciale ogni visione, l’energia di scoprire la meraviglia e le sfumature dei giorni dove gli altri vedono sempre le stesse cose”.

2022 ciaobici.it progettare cicloviaggio 2

Caro lettore, se quello che hai letto, non è stato sufficiente o ti ha creato dei dubbi, non avere paura di chiedere alla cerchia degli amici che conosci direttamente o scopri su internet quelli che hanno già viaggiato. Però ricordati che sarai sempre tu a decidere. Sbaglierai forse ancora, ma arriverai alla “tua” perfezione. Quella che ti consentirà di non perdere più la voglia di continuare a programmare, di scegliere bici e compagni per tutto il resto della tua vita da ciclo-viaggiatore. Saranno altri i motivi per cui ti fermerai, ma mai perché hai perduto la passione. Questa una volta germogliata non appassirà più.

 

Questo sito ospiterà volentieri le tue esperienze e considerazioni e immagini sbocciate dalla passione. Il ricordo racchiuso in poche righe e con qualche fotografia resterà per sempre on line, per te, per tutti.  Buona Strada Sempre. La Redazione di Ciaobici.it

 

Fernando Da Re

Un cuore, due gambe e una bicicletta. In testa sempre la fresca vivacità di raccontare. Il risultato lo ritroviamo in questo sito da lui creato e portato avanti con l’entusiasmo e l’impeto dell’atleta che cerca risultati.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER E RIMANI AGGIORNATO!